Sabato, 12 Giugno 2021
Politica

Anci Sicilia contro il Governo Renzi: "Servono riforme fondamentali"

Giornata di protesta fissata per il 9 febbraio dall'Associzione dei comuni siciliani. Gli amministratori locali chiedono di rivedere le esenzioni per l'Imu sui terreni agricoli, i tagli sul Fondo di Solidarietà e di allegerire le regole sul Patto di Stabilità

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando (foto archivio)

Sindaci e giunte sul piede di guerra per il "mancato avvio di riforme fondamentali". Il prossimo lunedì 9 febbraio, in tutti in comuni della Sicilia, proseguirà la protesta decisa dall'Anci Sicilia contro la "grave crisi economico-finanziaria" delle amministrazioni locali. Prevista l'approvazione di una serie di delibere che rappresentano l'adesione alla mobilitazione e che conterranno alcune richieste.

L'associazione dei comuni chiede al Governo Renzi di cambiare la norma che ha modificato il regime delle esenzioni per l'Imu sui terreni agricoli, con particolare riferimento alla tassa del 2014. I sindaci siciliani vogliono anche che vengano rivisti i tagli sul "Fondo di solidarietà", di rendere più flessibili le regole sul Patto di stabilità, così da favorire le spese per gli investimenti e di interrompere l'austerità relativa ai Fondi Pac (Piani d'accumulo).

L'Anci Sicilia annuncia iniziative di protesta anche contro i tagli ai collegamenti ferroviari. Orlando, presidente dell'associazione: “Faremo un consiglio regionale a Messina per mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica su questa grave decisione del Governo nazionale. La Sicilia ed i Comuni siciliani - ha proseguito - si trovano a dover far fronte non soltanto ad insostenibili tagli alle risorse loro destinate, ma anche ai tagli sui collegamenti ferroviari con il resto d’Italia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anci Sicilia contro il Governo Renzi: "Servono riforme fondamentali"

PalermoToday è in caricamento