I Comuni fanno rete per aiutare i migranti: Palermo e Corleone nel progetto "Busy"

Attivata nell’ambito del fondo "Asilo, migrazione e integrazione" dell’Unione europea, l'iniziativa coinvolge anche Siracusa, Marsala, Pantelleria e Favignana. Si punta a offrire più servizi e tutele ai giovani che arrivano nel territorio

Ci sono anche Corleone e Palermo tra i partner del progetto “Busy”, attivato nell’ambito del fondo "Asilo, migrazione e integrazione" dell’Unione europea. Lo scopo è "la promozione dell’integrazione e la protezione dei soggetti migranti, in particolare dei minori". Aderiscono all’accordo di programma anche Siracusa, Marsala, Pantelleria e Favignana. Capofila del progetto è l’azienda sanitaria provinciale di Trapani.

"Busy” è l’acronimo di Building Capacities for Sicily. A disposizione ci sono un milione e 300 mila euro che saranno suddivisi tra i partner. A Corleone arriveranno circa 59 mila euro. Il progetto punta a migliorare il livello di programmazione, gestione ed erogazione dei servizi pubblici e amministrativi dei Paesi terzi. L’obiettivo più generale è il "miglioramento, con dei protocolli uguali per tutti, della qualità dei servizi con standard maggiori e tempi più brevi".

Le attività a Corleone, così come negli altri Comuni coinvolti, sono finalizzate "all’apertura di uno sportello per la raccolta delle segnalazioni dei tutori dei minori stranieri, per il loro supporto, orientamento e formazione". Inoltre, il personale degli enti locali farà una specifica formazione per operare al meglio nella gestione dei servizi da offrire ai migranti. Tra le attività è previsto l’aggiornamento degli operatori per potenziare i servizi. Per rendere omogenee le pratiche in tutti i Comuni, è stato poi creato un gruppo di coordinamento regionale composto dai referenti di progetto e quelli amministrativi che si riunirà periodicamente per fare il punto sull’avanzamento delle attività.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo voluto partecipare al progetto - spiegano il sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi e ala sua vice Maria Clara Crapisi, che è anche assessore alle Politiche sociali - perché ospitiamo una comunità di migranti e la nostra attenzione nei loro confronti è alta. Con il progetto non vogliamo solo dimostrare sensibilità nei confronti di questo tema, ma anche dare strumenti concreti di sostegno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento