Lunedì, 25 Ottobre 2021
Politica

"Bocciati tutti i progetti dei consorzi di bonifica per il Pnrr", il M5S chiede le dimissioni di Musumeci

I deputati pentastellati dell'Ars commentano la decisione del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, che ha ritenuto "inammissibili" le opere presentate dalla Regione. "Questo dimostra ancora una volta l’incapacità degli uffici". L'assessore Scilla: "Patuanelli nemico dei siciliani"

"Bocciati tutti i progetti presentati dalla Regione per il Pnrr: 32 su 32 e milioni che potevano arrivare in Sicilia vanno in fumo. Il governo regionale del nulla colpisce ancora, Musumeci abbia un sussulto di dignità e si dimetta. Senza di lui la Sicilia può ancora salvarsi".

Lo affermano i deputati del M5S all'Ars dopo la clamorosa bocciatura arrivata dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. "I progetti presentati dai consorzi di bonifica siciliani - afferma il capogruppo 5 Stelle Giovanni Di Caro - sono stati relegati tutti nell’elenco di quelli ritenuti inammissibili, questo dimostra ancora una volta l’incapacità progettuale degli uffici regionali. E' lecito temere, a questo punto, che quanto avvenuto in materia di agricoltura possa ripetersi anche per altri interventi, che, senza i fondi del Pnrr, non possono essere realizzati. Questa ennesima batosta, che si va ad  aggiungere alle tante leggi impugnate dal Consiglio dei ministri, conferma, ove ce ne fosse ancora bisogno, che questo governo opera poco e niente e quando lo fa, lo fa malissimo". 

"Tutto questo - conclude Di Caro - è  inammissibile, la Sicilia, per il bene dei siciliani, andrebbe commissariata, a meno che Musumeci non prenda atto di questo ennesimo disastro e si dimetta. Intanto predisporremo una richiesta di accesso agli atti per capire il perché di questo altro gravissimo schiaffo ai siciliani".

"Apprendiamo dal Mipaaf che solo 31 dei 63 progetti presentati dalla Sicilia sono stati presi in considerazione attraverso il decreto di approvazione degli elenchi dei progetti ammissibili e non ammissibili a finanziamento con fondi afferenti al Pnrr per investimenti nella resilienza dell’agrosistema irriguo. E questo lo dice lunga sulla recidiva ostilità di Roma nei confronti della agricoltura siciliana", dice l'assessore regionale all'Agricoltura e sviluppo rurale, Toni Scilla che sottolinea: "Con quale criterio e come si è proceduto alla selezione? È chiaro che qualcosa non quadra. Il ministro Patuanelli scade in valutazioni sommarie a tutto svantaggio della Sicilia, e non è la prima volta che lo fa. Ricordiamo - uno dei tanti esempi che potrei citare - il tentativo di scippare fondi del Psr. Un atteggiamento ostile, che registriamo per l’ennesima volta, e che ci porterà ad effettuare le dovute verifiche e valutazioni. Quanti si stanno esibendo, con prontezza sospetta, in note e comunicati che di fatto esultano per l’ennesima ingiustizia romana nei confronti del Sud e della Sicilia, farebbero bene - da compagni di partito dello stesso ministro - a indirizzargli pressanti richieste di spiegazioni. Non meritano risposta perché - conclude Scilla - con incosciente sfrontatezza, remano contro gli interessi dell’Isola e dei siciliani".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bocciati tutti i progetti dei consorzi di bonifica per il Pnrr", il M5S chiede le dimissioni di Musumeci

PalermoToday è in caricamento