menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il convegno al Tearto Politeama - foto Twitter Giorgia Meloni

Il convegno al Tearto Politeama - foto Twitter Giorgia Meloni

Politeama, convegno su Almirante: duro scontro tra Meloni e Orlando

L'incontro è stato organizzato per il centenario della nascita del leader del Movimento sociale italiano. L'assenza del sindaco palermitano ha sollevato un polverone. La leader di Fratelli d'Italia: "Comportamento vigliacco". Poi l'incontro con i manifestanti Almaviva

Il convegno per il centenario della nascita di Giorgio Almirante si è trasformato in un teatro di polemiche per l'assenza del sindaco Leoluca Orlando. Si è svolto oggi al Politeama l'incontro organizzato per ricordare il fondatore del Movimento sociale italiano. Tra i partecipanti anche il leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, che sul mancato intervento del Sindaco ha dichiarato: "Il suo è un comportamento vigliacco". Non si è dovuto attendere molto per la replica del primo cittadino: "Non commento le inappropriate strumentalizzazioni dell'onorevole". L'ex ministro Meloni ha incontrato poi i manifestanti di Almaviva ed i vigili del fuoco precari.

L'assenza di Orlando ha quasi "monopolizzato" l'attenzione rispetto al tema della giornata, tanto da provocare anche l'ira di Francesco Storace, leader de La Destra: "Vergognati - scrive Storace sul suo Il Giornale d'Italia - per l'offesa ad un uomo amato dagli italiani perbene". In allegato una vecchia foto della piazza gremita di palermitani venuti ad ascoltare Almirante. A margine del convegno Giorgia Meloni ha incontrato una delegazione dei manifestanti di Almaviva (foto a destra di Marcella Ciraulo) e dei vigili del fuoco "discontinui". Temendo per la sorte dei 1.500 del "popolo dei call center", hanno lanciato un appello all'ex ministro per sollecitare un intervento del governo nazionale in difesa dei posti di lavoro.

almaviva meloni marcella ciraulo-2Alla base della "grande assenza" di oggi le polemiche sollevate dall'Anpi Palermo, l'Associazione nazionale partigiani d'Italia, che aveva condannato sia la decisione del Comune "di autorizzare - scrivono sul loro sito - una manifestazione a ricordo di Giorgio Almirante, "storico segretario del Msi con un passato fascista mai negato, sia l'annuncio che alla celebrazione avrebbe partecipato lo stesso sindaco". Protesta che ha prodotto la rinuncia del sindaco". A queste dichiarazione ha risposto anche Giuliana De' Medici, figlia dell'ex leader di Msi.

"Ha avuto i suoi trascorsi da giovane, è vero, ma non ha avuto mai responsabilità dirette. Se vogliamo ricordare i nomi di tutti quelli che nel periodo fascista erano fascisti convinti e poi sono diventati parlamentari - aggiunge De' Medici - e hanno avuto posizioni importanti nel mondo politico italiano subito dopo il 1945, anche questo dovrebbe farci pensare qualcosa. Dopo aver creato nel 1946 il Movimento sociale italiano, pronunciava come parola d'ordine la pacificazione nazionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento