rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Gli investimenti

Porti e reti idriche della Sicilia, in arrivo centinaia di milioni di fondi dal Pnrr

Le risorse sono state approvate oggi in Conferenza unificata. 39 milioni di euro per la logistica del porto di Termini Imerese. Cancelleri: "È necessario che questi finanziamenti siano destinati a risolvere le emergenze esistenti, attraverso una gestione equa e razionale"

Via libera in Conferenza unificata a centinaia di migliaia di euro di finanziamenti per la Sicilia per investimenti nel settore idrico e infrastrutturale. Circa 240 milioni di euro serviranno per realizzare numerosi progetti riguardanti lavori di completamento, adeguamento e manutenzione straordinaria di alcune importanti dighe, nonché interventi per il potenziamento del sistema idrico; altri 120 milioni saranno destinati alla realizzazione di infrastrutture strategiche nella Sicilia occidentale e orientale.

Nella provincia di Palermo, in particolare, 39 milioni di euro serviranno per il recupero, la sistemazione e la nuova banchina della logistica del porto di Termini Imerese. Per l’Amap, poi, sono stati finanziati circa 48 milioni di euro per i potabilizzatori Presidiana, di Cefalù, e Jato, di Partinico; 8 milioni di euro per la manutenzione straordinaria della diga “Mario Francese” (Rosamarina), di Caccamo.

“Ora l’Italia ha la grande opportunità di poter attingere alle risorse messe a disposizione dal Pnrr ed è necessario che parte di questi finanziamenti siano destinati a risolvere le emergenze esistenti, attraverso una gestione equa, razionale e sostenibile dell’acqua, con particolare attenzione a quella potabile destinata al consumo umano”, afferma Giancarlo Cancelleri, sottosegretario al ministero delle Infrastrutture. E sui fondi per le infrastrutture aggiunge: “Si tratta di importanti e necessari investimenti che il Governo centrale sta facendo per sviluppare le Zone economiche speciali (Zes) siciliane e rappresentano un risultato da me fortemente voluto e per il quale lavoro da tempo in sinergia con i soggetti attuatori. Realizzeremo aree fortemente interconnesse con le altre aree del Mezzogiorno e ci conformeremo agli standard europei”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porti e reti idriche della Sicilia, in arrivo centinaia di milioni di fondi dal Pnrr

PalermoToday è in caricamento