rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Politica

La Regione presenta il primo Piano socio-sanitario ma non invita i disabili: è polemica

Gli assessori alla Salute e alla Famiglia, Baldo Gucciardi e Carmencita Mangano, hanno firmato il decreto che introduce una visione integrata tra sanità e sociale, da mesi suggerita dai disabili. Giovanni Cupidi: "Nessuno di noi è stato informato"

Da oggi la Sicilia ha il suo primo Piano socio-sanitario. Baldo Gucciardi e Carmencita Mangano, rispettivamente assessore alla Salute e alla Famiglia e alle Politiche sociali della Regione, stamattina hanno firmato il decreto e presentato tutte le novità nel corso di una conferenza stampa. I disabili, da mesi protagonisti delle proteste che hanno di certo contribuito a portare la Regione a intraprendere la strada della collaborazione tra i due assessorati, però non sono stati invitati. A dirlo è uno dei più attivi tra loro, Giovanni Cupidi: "Ennesimo gesto intollerabile da parte di questo governo regionale. Viene indetta una conferenza stampa da parte degli assessori Mangano e Gucciardi, presso l'assessorato alla Salute, che presentano il piano integrato sui disabili. Nessuno di noi è stato informato e inviato". 

Il nuovo piano

Tra le novità più rilevanti introdotte, l'approvazione delle linee guida per istituire l’Ufficio unico interassessoriale, che dovrebbe snellire le procedure burocratiche necessarie per ottenere i servizi richiesti, e delle indicazioni per l’elaborazione e la gestione dei progetti di vita individualizzati in materia di vita indipendente che di fatto superano le attuali strutture residenziali puntando sull'assistenza domiciliare integrata. Molto importante, inoltre, è l’attivazione delle procedure per l’inclusione socio lavorativa in salute mentale attingendo a finanziamenti da leggi che prevedono risorse specifiche. Entrando più nel dettaglio l'assistenza domiciliare integrata è una forma di assistenza rivolta a soddisfare le esigenze di anziani, disabili e di pazienti affetti da malattie cronico-degenerative e malattie rare che necessitano di un’assistenza continuativa di tipo sociale (pulizia casa, disbrigo pratiche amministrative etc.) e socio sanitaria (supporto psicologico, attività riabilitative assistenza infermieristica, etc). L’obiettivo è consentire al disabile il più a lungo possibile il conforto della propria casa, diminuendo notevolmente, in questo modo, anche i costi dei ricoveri ospedalieri non essenziali. 

“Col Piano socio-sanitario – spiega l’assessore Mangano - non avremo più un’assistenza frammentaria e disorganizzata, ma finalmente saremo guidati da una visione integrata tra sanità e sociale. Questa è la direzione che dovranno percorrere tutti i soggetti detentori di interesse che dovranno dare da oggi in poi risposte ai pazienti specifiche e non più frammentarie”.

L'obiettivo è arrivare a una intesa sulle problematiche assistenziali che richiedono la necessaria integrazione della componente sanitaria con quella sociale. Il lavoro condiviso dovrebbe portare all’attivazione di un Servizio unico Famiglia-Salute non più in funzione di competenze di settore ma una Unica Fonte di intervento.

“Potrebbe essere l’unica mossa positiva di questa giunta regionale che in cinque anni nella sanità, e non solo, ha soltanto combinato disastri su disastri - dichiara il segretario generale Confintesa Sanità, Domenico Amato -: sulla carta, si prospetta abbastanza funzionale, ma la riuscita della messa in atto del piano toccherà al nuovo governo regionale nella speranza che la qualità dei componenti sia nettamente superiore”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione presenta il primo Piano socio-sanitario ma non invita i disabili: è polemica

PalermoToday è in caricamento