menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carmelo Miceli,

Carmelo Miceli,

Pd in frantumi, Demos attacca il segretario Miceli: "Sembra un pugile suonato"

L'area che fa riferimento all'assessore regionale all'Agricoltura Antonello Cracolici spara a zero dopo la direzione provinciale di ieri: "Partito inesistente, intervenga la segreteria nazionale"

"Il segretario provinciale, con la sua relazione e soprattutto con le sue conclusioni, alla direzione provinciale di ieri ha siglato irresponsabilmente la spaccatura profonda del Pd palermitano". Lo dice Franco Gervasi, portavoce di Demos, dopo la direzione provinciale del Pd che si è svolta ieri a Palermo.

L'area che fa riferimento all'assessore regionale all'Agricoltura, Antonello Cracolici, attacca quindi a testa bassa il segretario provinciale Carmelo Miceli: "Ci saremmo aspettati segnali netti di discontinuità a partire dall'azzeramento della segreteria, nata senza progetto e ormai svuotata di ogni profilo politico. Con 'arguzia retorica' è arrivato un generico invito all'unità, carico di tatticismo e privo di sostanza, spinto probabilmente dalla preoccupazione per la campagna referendaria e dalla lista per l'elezione del Consiglio metropolitano, che rischia di certificare l'esistenza di due o più Pd e, quindi, l'inesistenza dello stesso partito e del suo segretario".

Il partito a Palermo, a nove mesi dalle elezioni, è in preda a fibrillazioni: "Le faide interne - continua Gervasi - che rischiano di consegnarci alle cronache, dopo il caso 'Napoli', come il caso 'Palermo'. Fra qualche giorno il Movimento 5 Stelle ufficializzerà il suo candidato, l'attuale primo cittadino è già in campo ed il Pd a guida Miceli sembra un pugile suonato costretto a prendere quotidianamente le distanze dalle esternazioni di pezzi della sua maggioranza. Cinque componenti dell'esecutivo, tra cui il tesoriere, annunciano le dimissioni che ieri sono state smentite dal segretario lasciando il partito nel dubbio: non sappiamo se questi dirigenti si siano dimessi o se si tratti invece di un gioco delle parti fra Miceli e Ferrandelli".

"Abbiamo chiesto al segretario regionale Raciti, presente alla direzione, - conclude l’esponente del Pd - di organizzare un incontro fra la nostra delegazione ed il partito nazionale per spiegare le nostre ragioni, la nostra amarezza e chiedere un intervento deciso prima che sia troppo tardi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento