menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Patrizia Monterosso

Patrizia Monterosso

Mossa a sorpresa: Monterosso resta segretario generale della Regione

Decisione inaspettata di Crocetta. Il contratto della più potente burocrate siciliana sarebbe scaduto tra 2 settimane, ed è stato prorogato per 5 anni. Rabbia M5S: "Acida ciliegina sulla rancida torta del governo"

Mossa a sorpresa: Patrizia Monterosso resta segretario generale della Regione per i prossimi cinque anni. Il contratto della dirigente sarebbe scaduto fra due settimane, il 13 luglio, ma Crocetta oggi ha siglato la proroga. La scelta è stata formalizzata durante una riunione di giunta che si è tenuta nel pomeriggio. Una decisione imprevedibile. Quello che è appena stato prorogato è il contratto della più potente burocrate siciliana. Sì, perché Patrizia Monterosso, è definita plenipotenziaria di Palazzo d'Orleans, e negli anni è stato il braccio destro di Raffaele Lombardo e poi di Rosario Crocetta, con un grande peso politico, oltre che amministrativo.

Non l'ha presa bene il Movimento 5 Stelle, che ha definito la mossa di Crocetta “un'acida ciliegina sulla rancida torta del governo”. Il riferimento è alla condanna definitiva ai danni della Monterosso, da parte della Corte dei Conti, per la questione degli extrabudget concessi agli enti della Formazione professionale.

Velenosi i commenti dei deputati pentastellati all'Ars. Per loro la conferma della Monterosso ai vertici della burocrazia siciliana è "il sigillo su un'esperienza governativa fallimentare e da archiviare nel più breve tempo possibile". “Crocetta - dicono - ha perso l'ultimo autobus della decenza, l'estrema occasione per turare almeno una delle innumerevoli falle della sua inqualificabile amministrazione. Mentre il governo è sordo ed insensibile alle grida di dolore di migliaia di precari, il presidente era affaccendato a risolvere i problemi del super precario d'oro, l'unico evidentemente che gli sta veramente a cuore, tanto da dribblare a cuor leggero la condanna definitiva della Corte dei conti da un milione e 300 mila euro a carico del segretario generale e da orchestrare in sua difesa la strenua difesa all'Ars in occasione della mozione di censura da noi presentata”.

“Crocetta – continuano i parlamentari – la smetta di mostrare i muscoli solo con qualche Pip e con un paio di forestali. Dimostri di essere forte pure, e sopratutto, con i forti, come mai ha saputo fare: con la Monterosso in questo frangente, o col governo Renzi ogni volta che c'è da trattare accordi economici con Roma”. “Ci sarebbe piaciuto – concludono i deputati 5stelle – che Crocetta avesse adoperato la stessa solerzia usata per il rinnovo del contratto col recupero delle somme dovute dalla Monterosso, cosa di cui non sappiamo nulla”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento