Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

Le partecipate sotto la lente della Corte dei conti, i revisori: "Preoccupazione in vista del piano di riequilibrio"

Così il collegio composto da Salvatore Sardo, Carmelo Scalisi e Vincenzo Traina in una nota a Giunta e Consiglio dopo la richiesta d'istruttoria avanzata dal magistrato Giuseppe Massimo Urso, per appurare "l'annosa questione della governabilità delle società". Riflettori puntati su Amat, Amap e Rap

La Corte dei conti - sezione supporto controllo gestione Enti locali Sicilia - ha avviato una verifica sulle società partecipate del Comune. La richiesta di istruttoria, avanzata dal magistrato istruttore Giuseppe Massimo Urso, è stata comunicata dal collegio dei revisori alla Giunta, al Consiglio e al ragioniere generale. 

A parte le richieste di documentazione, la Corte dei conti vuole appurare la governabilità di alcune delle ex municipalizzate: ovvero Amat, Amap e Rap. Visto che "l'esame sintetico dei dati contabili", come reso noto dalla ragioneria, "restituisce una situazione di sostanziale equilibrio per Amg, Sispi e Reset".

Due le "ineludibili questioni": l'esercizio del regolare controllo da parte del Comune e la piena disponibilità delle società a sottoporsi al cosiddetto controllo analogo. I chiarimenti sulle criticità, più volte oggetto di interlocuzioni dei revisori con i magistrati istruttori, hanno fatto suonare un primo campanello d'allarme: "Desta non poca preoccupazione nello scrivente Collegio, in vista della rimodulazione del Piano di riequilibrio, e in relazione al giudizio prognostico di approvazione da parte della Corte dei conti - scrivono in una nota i revisori Salvatore Sardo, Carmelo Scalisi e Vincenzo Traina - l'annosa questione della governabilità delle società partecipate".

Il giudice Urso ha chiesto di "precisare se vi sono (ed eventualmente quali) passività potenziali che possono compromettere il piano di risanamento dell'ente" e inoltre di "relazionare sui controlli effettuati dall'ente nei confronti degli organismi partecipati negli esercizi 2020 e 2021 e sui relativi risultati". Il collegio dei revisori attende adesso dal Comune di conoscere "le iniziative intraprese in merito alle problematiche" per potersi pronunciare "sulla rimodulazione del piano di riequilibrio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le partecipate sotto la lente della Corte dei conti, i revisori: "Preoccupazione in vista del piano di riequilibrio"
PalermoToday è in caricamento