rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Politica

Palermo zona rossa? Anello (Lega): "Chiudere tutti in casa come l'anno scorso non serve"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Tutelare la salute dei palermitani è la priorità, ma attenzione ad una zona rossa fotocopia dell'anno scorso per gli effetti decisamente imprevedibili che potrebbe avere sui cittadini più fragili ridotti ormai in povertà". Lo dice Alessandro Anello, consigliere comunale della Lega e vicepresidente della commissione Attività produttive, nell'ambito del dibattito sull'istituzione della zona rossa a Palermo alla luce dei 597 contagi registrati in tutta la provincia nella giornata di ieri e tenendo conto dei dati elaborati dall'Ufficio statistica del Comune di Palermo in base alle informazioni del Dipartimento nazionale della Protezione Civile che indicano nell'ultima settimana 245,9 positivi ogni 100 mila abitanti (sempre relativi a tutta la provincia).

"A Palermo - continua Anello - il quadro economico e sociale è profondamente peggiorato dopo 13 mesi di lotta alla pandemia. E' certo che se il numero di contagi e dei ricoveri cresce, le restrizioni sono necessarie ma, rispetto al 2020, le misure di contenimento del virus adesso devono andare di pari passo con azioni straordinarie di sostegno soprattutto economico alle migliaia di palermitani senza più nessuna forma di sostentamento. E' inutile imporre la zona rossa e tutti chiusi in casa senza per esempio consentire le aperture alle attività produttive dove si possano garantire controlli e distanziamenti efficaci. Dopo un anno non è più possibile parlare di emergenza - conclude Anello - servono azioni concertate che garantiscano tutela della salute e tutela del reddito".  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo zona rossa? Anello (Lega): "Chiudere tutti in casa come l'anno scorso non serve"

PalermoToday è in caricamento