rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Lavoro

Avviso 22, la Regione: "Il 90% dei tirocinanti resta disoccupato, serve cambiare metodo"

Il dirigente del dipartimento Lavoro Sciacca tranquillizza sulle indennità attese: "Ritardi dovuti alle anomalie riscontrate nella documentazione presentata, pagheremo tutti". Ma poi sottolinea: "Il problema vero è che così come sono pensati i tirocini non funzionano"

"I tirocinanti dell'Avviso 22 che attendono di essere pagati non saranno abbandonati". A prometterlo è il dirigente del dipartimento lavoro della Regione Gaetano Sciacca spiegando che i ritardi sono dovuti alle tante anomalie riscontrate nella documentazione necessaria per richiedere il rimborso. Un problema che gli uffici stanno cercando di risolvere richiedendo il materiale mancante. "Il dipartimento del lavoro - dichiara Sciacca - non ha pratiche in sospeso. Abbiamo risposto a tutte le richieste di rimborso che ci sono pervenute e mandato circa 1.700 richieste di integrazione, oltre ad aver già versato più di 2 milioni di euro a 700 tirocinanti". Dei 6 mila ammessi all'avviso 22, di fatto sono stati solo 1.741 i giovani che hanno svolto il periodo di apprendistato quindi sono mille coloro che attendono ancora l'indennità, circa 3 mila euro ciascuno. 

"Faremo in modo - prosegue Sciacca - di pagarli tutti. Magari non accadrà questo mese, ma alla fine i fondi li prenderanno. La soluzione la troveremo. Intanto abbiamo istruito tutte le pratiche, proceduto al pagamento dove non c'erano irregolarità e inviato le richieste di integrazioni. Per circa mille pratiche siamo in attesa di riscontro: abbiamo chiesto dei documenti - attraverso le agenzie per il lavoro (le stesse che si sono fatte carico di individuare le aziende dove mandare i tirocinanti e che trasmettono la richiesta di rimborso alla Regione) - li abbiamo ricevuti e li stiamo controllando. Trattandosi di fondi comunitari non può mancare nulla, altrimenti diventa un debito fuori bilancio e un danno erariale". 

Il problema vero e ben più grave secondo il dirigente sarebbe un altro: "Ci siamo accorti che solo il 10% dei tirocinanti ha avuto un contratto di lavoro nell'azienda dove ha svolto la pratica, tra le altre cose a tempo determinato. Gli altri sono rimasti disoccupati". Un dato "angosciante" che vuol dire una cosa sola: "Così come sono pensati, nella nostra martoriata Regione i tirocini non funzionano". L'obiettivo dell'avviso, che risale al 2018, infatti era quello di creare posti di lavoro. La realtà invece si è dimostrata molto diversa. "I tirocinanti spesso - spiega Sciacca - vengono utilizzati per non assumere personale con contratto di lavoro subordinato. Le aziende risparmiano illudendo i ragazzi e non va bene". Secondo il dirigente visto che i tirocini hanno disatteso le speranze, per il futuro è necessario cambiare il metodo. "Il dipartimento lavoro metterà in atto avvisi che hanno al centro la formazione finalizzata all'assunzione. Le aziende - conclude - ci devono dire di che professionisti hanno bisogno e noi dobbiamo formarli con quel fine". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avviso 22, la Regione: "Il 90% dei tirocinanti resta disoccupato, serve cambiare metodo"

PalermoToday è in caricamento