Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Verona imita Palermo, Orlando nella città di Giulietta: "Nessuno come noi in 40 anni"

Il sindaco siciliano spiega al "collega" scaligero come diventare capitale italiana della cultura: "Per raggiungere quest'obiettivo bisogna in primis costruire un progetto valido su cui orientare il proprio percorso di cambiamento e crescita"

Orlando in fiera a Verona insieme - tra gli altri - a Sboarina

Il sindaco dell'attuale capitale italiana della cultura insieme a un sindaco che vorrebbe candidare la propria città e renderla capitale italiana della cultura nel 2021. L'incontro si è tenuto ieri, 17 aprile, in fiera a Verona. Da una parte Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, e dall'altra Federico Sboarina, sindaco di Verona. E l'appuntamento è stato proprio la conferenza stampa che ha avuto come titolo Palermo capitale italiana della cultura 2018.

"Non c’è città al mondo che negli ultimi 40 anni sia culturalmente cambiata come Palermo - ha sottolineato Orlando - un cambiamento che ha interessato nel profondo il modo di pensare dei cittadini palermitani e con esso il valore stesso della città. Per raggiungere l'obiettivo della nomina a capitale italiana della cultura bisogna in primis costruire un progetto valido su cui orientare il proprio percorso di cambiamento e crescita. Lo scopo non deve essere solo quello di diventare un simbolo italiano della cultura ma, per il bene della propria città, costruire una realtà nuova che, comunque vada, rimarrà a favore della propria comunità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Come evidenziato dal sindaco Orlando - ha dichiarato Sboarina - tutto inizia dalla costruzione di progetti in grado di generare una rafforzata identità culturale del proprio territorio. La candidatura di Verona a capitale della cultura per il 2021 non è per noi il risultato finale a cui tendere, ma il punto di partenza che ci consentirà di realizzare, partendo da oggi, quel progetto di cambiamento culturale atteso da tempo dalla nostra città. Infatti, il vero cambiamento non arrivano dall'oggi al domani, ma è frutto di idee e di progetti importanti e duraturi nel tempo, in grado di avvicinare e far lavorare insieme le forze migliori della nostra città. Ne è un esempio la recente riorganizzazione del sistema museale veronese, che ci porterà alla realizzazione di proposte espositive nuove, volte ad una complessiva rivalutazione delle ricchezze artistiche veronesi".

(Intervista a cura di Aurora Pullara)

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona imita Palermo, Orlando nella città di Giulietta: "Nessuno come noi in 40 anni"

PalermoToday è in caricamento