Politica

Ordinanza anti Covid di Musumeci, Cancelleri (M5S): "Ancora una volta arriva tardi e male"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Musumeci ancora una volta arriva tardi e male”. Così il sottosegretario alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri (M5S), commenta l’ultima ordinanza per l’emergenza Covid in Sicilia firmata ieri dal presidente della Regione Siciliana.

“Quella che lui definisce una stretta per contrastare il contagio del virus e accelerare la campagna vaccinale - continua Cancelleri - è una misura che arriva tardi, visto che da mesi ormai la Regione, gli unici primati che riesce ad avere sono il primo posto per contagi e l'ultimo per numero di vaccinati. Misure non chiare e restrizioni confuse. Tutte informazioni poco accessibili ai cittadini siciliani e ai turisti che hanno scelto la nostra terra per le loro vacanze. Misure che abbiamo invocato con forza durante i mesi passati e che purtroppo non solo non sono arrivate, ma hanno lasciato spazio ad una comunicazione farneticante e confusionaria”.

“A Rosolini per esempio, definita zona ad alto rischio nell’ordinanza firmata ieri, non è ancora chiaro il protocollo da seguire, situazione che lascia nello sconforto soprattutto i titolari di attività ricettive e di ristorazione. Musumeci, attaccato oramai anche dalle forze politiche della sua maggioranza, dimostra ancora una volta la sua incapacità nel governare la pandemia e cerca di nasconderla con atti imperativi e prepotenti sulla pelle dei siciliani che stanno pagando già un prezzo altissimo. Troppi errori da questo governo ormai agonizzante, il resto d’Italia parla di ripresa e Musumeci ancora una volta trascina la Sicilia a fondo verso l'ennesimo primato, diventare per primi nuovamente zona gialla” conclude Cancelleri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordinanza anti Covid di Musumeci, Cancelleri (M5S): "Ancora una volta arriva tardi e male"

PalermoToday è in caricamento