Politica

Opere pubbliche, Falcone: "A disposizione dei Comuni 2,5 milioni di euro"

Verranno riaperti i termini per consentire ai Comuni siciliani di accedere al Fondo di rotazione dedicato alla progettazione

Verranno riaperti i termini per consentire ai Comuni siciliani di accedere al Fondo di rotazione dedicato alla progettazione. Il governo Musumeci ha infatti reso nuovamente disponibili circa 2,5 milioni di euro che potranno essere chiesti dalle amministrazioni locali per la progettazione di interventi su scuole, strade, impianti di depurazione e altre opere in linea con il Piano di azione e coesione (Pac) 2014-2020.
 
La riapertura dei termini è stata decisa su impulso dell’assessorato regionale alle Infrastrutture. Una ricognizione del dipartimento Tecnico aveva verificato, infatti, che alcuni Comuni, dopo l’assegnazione delle somme, avevano rinunciato ai fondi o erano risultati inadempienti. È stato così accertato che le risorse ancora non impegnate e disponibili ammontano a circa 2,5 milioni di euro.
 
"Attraverso il virtuoso impiego delle risorse della Regione - commenta l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone - vogliamo che nessun cantiere si fermi nonostante l’emergenza pandemica, e anzi, vogliamo aprirne di nuovi. Il governo Musumeci, dopo anni di politiche prive di una visione organica, grazie a questa e altre misure ha dato un impulso positivo all’intera filiera dei lavori pubblici in Sicilia, favorendo così benefici a cascata per tutto il territorio. Con i 2,5 milioni di euro ancora disponibili potremo finanziare, dunque, la progettazione di un’altra trentina di interventi".
 
Le domande accolte fino ad ora per il Fondo di rotazione per la progettazione sono una settantina, pari a circa la metà di quelle che erano state presentate dai Comuni. I finanziamenti si aggirano intorno ai 5 milioni di euro e serviranno a progettare lavori come la ristrutturazione di edifici scolastici, il recupero di aree urbane, la sistemazione di strade e interventi di messa in sicurezza del territorio.

"Accogliamo positivamente la notizia del finanziamento, ma riteniamo che resti sempre urgente la convocazione di un tavolo tecnico tra il governo regionale e le associazioni sindacali e datoriali per innescare un circuito virtuoso di rilancio del settore edilizio e, quindi, di tutta l'economia", commenta il segretario regionale della Filca Cisl Sicilia, Paolo D'Anca. "In questo momento di drammatica crisi economica e sociale, acuita dall'emergenza sanitaria - aggiunge - queste risorse rappresentano una boccata d'ossigeno ma bisogna lavorare ed adoperarsi, atraverso una sinergia strategica, per far decollare il settore attraverso la previsione anche di nuovi cantieri perché significherebbe creare occupazione per i tanti lavoratori che sono disperati e non hanno certezza sul loro futuro". 

Articolo aggiornato il 19 gennaio 2021 alle ore 16,43 / Aggiunto commento Cisl

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Opere pubbliche, Falcone: "A disposizione dei Comuni 2,5 milioni di euro"

PalermoToday è in caricamento