La Colla: "Bandire gare internazionali di architettura per le opere pubbliche"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Le stazioni di piazza Lolli e della Guadagna, sicuramente efficienti ma prive di gusto estetico, dimostrano che a Palermo si fa edilizia e non architettura”. Lo sostiene Luisa La Colla, esponente del Partito Democratico a Palazzo delle Aquile, per la quale "le nuove fermate cittadine del treno lasciano molto a desiderare dal punto di vista del ‘gusto’ per il bello". 

“Eppure - dice La Colla - esiste un modo per far sì che anche una stazione ferroviaria (e non solo) possa diventare una struttura appetibile per gli occhi e, di conseguenza, per i turisti: bandire concorsi pubblici per affidare le progettazioni ad architetti provenienti da tutto il mondo, trasformando così le future edificazioni in gioielli dell’architettura, come già avviene in molte altre città europee”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento