Venerdì, 6 Agosto 2021
Politica

"Non ha ancora mantenuto le promesse": operai Reset e sindacato contro Orlando

I dipendenti della municipalizzata aspettano il full-time, i buoni pasto e la welfare card. La segretaria provinciale Snalv, Daniela Mazzola: "Il sindaco è responsabile del mancato contratto lavorativo e degli accordi omessi dal dicembre 2014 ad oggi"

Dipendenti della Reset e sindacato Snalv delusi, amareggiati e preoccupati per il loro futuro lavorativo, all'indomani dell'approvazione del bilancio previsionale del comune. "Da un lato siamo soddisfatti - afferma la segretaria provinciale del sindacato Snalv, Daniela Mazzola - per l'approvazione del bilancio in tempi non giurassici, ma al contempo siamo molto delusi perché non solo le promesse fatte dal primo cittadino di portare tutti i lavoratori da contratti part-time a full-time e con i livelli scongelati, non sono state rispettate, si fa bello sui giornali affermando di non avere effettuato nessun taglio. Così non è!".

Un primo accordo è stato raggiunto dopo tante ore di discussione nel dicembre 2014 e da allora i lavoratori aspettano il full-time, i livelli di avanzamento di carriera scongelati e un contratto che rispecchi le loro mansioni lavorative. Nel giugno del 2017 poi, il Comune ha promesso buoni pasto e la welfare card nonché i 33 milioni di euro necessari al funzionamento dell'ente e più recentemente, dopo la proclamazione dello stato d'agitazione, lavoratori e sindacato sono stati rassicurati durante un'audizione della terza commissione consiliare del Comune. Ad oggi però, nulla di tutto ciò è stato mantenuto ed è per questo che lavoratori e sindacato si dicono preoccupati.

"Il sindaco Orlando - continua Mazzola - è responsabile del mancato contratto lavorativo lo è anche per gli accordi omessi dal dicembre 2014 ad oggi. Ha fatto da eco alla debolezza di una politica che non riconosce i suoi stessi strumenti e le sue idee, che non sa arrivare al completamento di un progetto creato nato e vissuto in questi anni con la sua amministrazione. Capiamo tutte le difficoltà di un Comune per approdare al bilancio, capiamo gli attacchi subiti, che subisce e che subirà, ma chi può capire i lavoratori della Reset se non lei che tanto vanta i lavori svolti in città, ma che, girando la faccia, li disconosce non incrementando economie? Reset dovrà boccheggiare e sopravvivere così con un par time di 32 ore più due gentilmente concesse dal Presidente e che allo stato attuale non sappiamo se potrà ancora garantirle? Perché questo accanimento al risparmio sempre sui lavoratori che lei decanta? Meglio non promettere quando non si può dare seguito alla promessa, meglio non sottoscrivere contratti che poi si omettono. I lavoratori si sentono presi in giro per l'ennesima volta e non vogliono più rassicurazioni, ma fatti", conclude la segretaria provinciale Snalv, Confsal Daniela Mazzola.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non ha ancora mantenuto le promesse": operai Reset e sindacato contro Orlando

PalermoToday è in caricamento