rotate-mobile
Politica Tribunali-Castellammare

Occhipinti: "Teatro Biondo abbandonato da Comune e Regione”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"E' evidente che sia la Regione sia il Comune hanno abbandonato il Teatro Biondo. Le promesse di rilancio dello Stabile hanno di fatto prodotto solo tagli ed enormi sacrifici per i dipendenti, gli unici a pagare per le scelte dissennate del passato e attuali". Lo dice il capogruppo dei Comitati civici al Consiglio comunale, Filippo Occhipinti.

"La situazione che oggi attanaglia il Biondo non è solo una sconfitta della cultura, ma anche e soprattutto un'umiliazione per l'intera città - aggiunge Occhipinti - La gestione non ha funzionato come doveva e l'unico risultato è stato un taglio netto ai lavoratori di circa 500-600 euro medi: sfido qualsiasi lavoratore con famiglia a carico a potere fare a meno di questa somma in un bilancio familiare che include anche affitti, mutui e debiti vari. Il Comune ha l'obbligo di fare chiarezza su come è stato gestito il Teatro con i soldi dei palermitani: consulenze, progressività di alcuni dipendenti, straordinario sempre a pochi, spettacoli superflui. Serve un ricambio ai vertici e un taglio netto anche ai loro compensi e infine un finanziamento adeguato che tenga conto della pianta organica del teatro che di recente, per una sentenza, è aumentata di diverse unità, nonché di una programmazione adeguata alle nuove esigenze finanziarie. Il Comune deve aumentare la dotazione annuale di almeno 500 mila euro, visto anche che ora Orlando è anche sindaco metropolitano. In sede di programmazione del bilancio chiederò che venga stanziato un aumento almeno di questo importo. Ma serve soprattutto trasparenza sui conti del teatro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occhipinti: "Teatro Biondo abbandonato da Comune e Regione”

PalermoToday è in caricamento