Occhipinti: “Operazioni finanziarie del comune, interessi per 10 milioni di euro”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Questa giunta e il suo sindaco ci hanno abbonato ai debiti e alle tasse: per la seconda volta assistiamo a una operazione che indebiterà il futuro dei nostri figli. Un’altra manovra concessa dal governo nazionale che, per rispettare i parametri di pagamento europei verso i fornitori, fa indebitare gli enti locali e quindi i cittadini”. Così il consigliere comunale di Palermo, Filippo Occhipinti, commenta l’anticipazione di liquidità da 14,9 milioni di euro con la Cassa Depositi e Prestiti approvata dalla giunta Orlando.

“Come l'anno scorso si ricorre a una anticipazione di cassa pluriennale (scadenza 30 anni), che costerà ai palermitani e impegnerà risorse che verranno sottratti dai bilanci delle generazioni future sempre più sacrificate - dice Occhipinti - da un lato questa amministrazione non permette di fare prestiti per realizzare opere necessarie per la città e dall'altro ricorre a queste anticipazioni che servono per pagare spesa corrente. L'assessore e il sindaco si stanno preparando la campagna elettorale rinforzando la cassa, ma a scapito delle tasche dei palermitani. Tra l'anno scorso e quest' anno verranno perfezionati due prestiti di oltre 53 milioni di euro che costeranno complessivamente oltre 10 milioni di interessi. Inoltre non c'è alcun problema per il pagamento delle rate: se nel futuro il comune non dovesse riuscire a pagare, già il sindaco ha sottoscritto un impegno che prevede che sarà l'Agenzia delle entrate a trattenere alla fonte la rata dai flussi dell'Imu”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento