Occhipinti (Comitati civici): “Il sindaco fermi le Ztl”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Con l'entrata in vigore della Finanziaria regionale e del suo articolo 14, che impone l'adozione del regolamento per le Ztl, e con la spada di Damocle del ricorso al Tar, l'unica scelta logica sarebbe quella di rinviare la partenza del 31 marzo della Zona a traffico limitato di Palermo, almeno fino alla pronuncia del Tribunale sulla richiesta di sospensiva. In caso contrario, si prospetta il caos. Inoltre l'incredibile vicenda del ritardo dell'attivazione delle telecamere comporterà un massiccio impiego di vigili urbani che inevitabilmente saranno distolti da altri servizi a scapito della città. Infine vanno eliminati i vecchi cartelli delle Ztl che sono fuorvianti, visto che riportano ancora le targhe alterne, e sono presenti perfino in numerose vie anche fuori dall'attuale area, fra cui via Autonomia Siciliana, via Ammiraglio Rizzo, viale dell'Olimpo, quartiere Noce e così via. Palermitani, non pagate questo balzello. Il sindaco blocchi tutto, troppe cose non vanno". Lo dice il capogruppo di Comitati Civici al consiglio comunale di Palermo Filippo Occhipinti.

Torna su
PalermoToday è in caricamento