rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Politica

Amg Energia, nel Cda adesso c'è anche una donna: Lucia Alfieri nominata al posto di Salvatore Seminara

A metà mese Lagalla aveva revocato la prima determina per la mancanza di quote rosa. Nel nuovo atto ripristinata la parità di genere, ma in Consiglio c'è chi storce il naso: "Il sindaco si sarebbe dovuto limitare a designare un amministratore unico, la scelta della triade spetta all'assemblea dei soci"

Dopo il ritiro delle nomine per la mancanza di quote rosa, il sindaco Roberto Lagalla firma una nuova determina con le designazioni dei componenti del Cda di Amg Energia. Nella governance adesso è stata inserita la donna che non c'era: si tratta dell'avvocato Lucia Alfieri, destinata ad assumere le funzioni di vicepresidente. Viene così ripristinata la parità di genere.

Cda senza donne, il sindaco costretto a ritirare le nomine in Amg Energia

Alfieri è stata nominata da Lagalla al posto di Salvatore Seminara, destinato a ricoprire la carica di vicepresidente della Sispi. Fratelli d'Italia, che aveva indicato Seminara, punta quindi su Lucia Alfieri, che affiancherà Francesco Scoma (in quota Lega) e Antonio Iacono (Dc). Scoma sarà il presidente del Cda, Iacono il terzo componente.

Sulla triade però c'è chi oggi a Sala delle Lapidi ha storto il naso. Stiamo parlando del consigliere di Progetto Palermo, Massimiliano Giaconia, secondo cui "le nomine sono in contrasto con lo Statuto di Amg". Spiega il consigliere di opposizione: "Dovrebbe essere l'assemblea dei soci a optare o meno per il Cda, dopo aver valutato l'economicità dei costi. Il sindaco si sarebbe dovuto limitare nella sua determina a designare un amministratore unico. Dubito però che col Comune in fase di riequilibrio l'assemblea dei soci possa certificare l'economicità dei costi. Per questo motivo mi riservo di porre su questa materia un quesito alla Corte dei conti e all'assessorato regionale Enti locali".

Sulla stessa posizione Concetta Amella, consigliere M5S: "La nomina del Cda decisa stamane dal sindaco Lagalla è a tutti gli effetti una forzatura perché spetterebbe all'assemblea dei soci e non  al primo cittadino bensì all’assemblea dei soci. A stabilirlo sono le disposizioni del decreto legislativo 175 del 2016, il testo unico in materia di società a partecipazione pubblica, laddove si stabilisce peraltro che la decisione dell’assemblea dei soci venga presa previo parere della Carte dei Conti. Secondo la norma è proprio la magistratura contabile a dover deliberare, entro 60 giorni dal ricevimento, in ordine alla conformità dell'atto, sulla sostenibilità finanziaria e la compatibilità della scelta con i principi di efficienza, di efficacia e di economicità".

"In questo modo invece - aggiunge Amella - il sindaco ha letteralmente scavalcato questa precisa disposizione normativa, probabilmente per accontentare gli appetiti dei colleghi di maggioranza o per qualche altra ragione che vorremmo spiegata, in attesa, nei prossimi giorni, della nomine degli altri Cda, come quelli della Reset e della Sispi. Ancora una volta si delinea lo scenario al quale i palermitani erano abituati da decenni: i Cda delle municipalizzate sono dei veri e propri poltronifici".

Nella determina firmata da Lagalla vengono individuati anche i componenti effettivi e supplenti del collegio sindacale di Amg. A presiederlo è Nicola Ribolla; Giuseppa Maggiore e Caterina Ciraulo sono gli altri due effettivi. Gianfranco Arone di Valentino e Veronica Pedone sono i due supplenti. Tutte le nomine sono state deliberate dall'assemblea dei soci riunita oggi. In rappresentanza del Comune c'era l'assessore Carolina Varchi, che dice: "Amg Energia è un’azienda sana, che con i suoi oltre cento anni ha fatto la storia di questa città e ne rappresenta un patrimonio importante. E' un’azienda che ha intrapreso e deve proseguire un percorso di innovazione e di sviluppo, soprattutto in tema di transizione energetica e di implementazione e miglioramento dei servizi resi. Sono certa che la nuova governance, cui auguro buon lavoro, porterà avanti con determinazione ed impegno questi obiettivi".

"Ci auguriamo - commenta Raffale Loddo, segretario provinciale Ugl Chimici - che da oggi si possa speditamente dare alla società Amg i necessari indirizzi operativi per il rilancio della società a cominciare dal realizzare il necessario turn over del personale per svolgere i servizi affidati, cogliere le nuove opportunità offerti dal Pnrr, riqualificare le reti, azzerare la bolletta energetica del Comune e le tante opere per rendere la città smart e moderna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amg Energia, nel Cda adesso c'è anche una donna: Lucia Alfieri nominata al posto di Salvatore Seminara

PalermoToday è in caricamento