Nubifragio, i deputati del M5S all'Ars chiedono soluzioni immediate: "No a tentennamenti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

I deputati Cinquestelle palermitani Schillaci e Trizzino riuniscono allo stesso tavolo tutti gli attori coinvolti. “Servono subito un sistema d’allarme efficiente e un piano di prevenzione. La proposta: Dissuasori e semafori nei pressi dei sottopassi in caso di forti piogge, sistemi di early warning e rimboschimento delle aree limitrofe”.

“Su nostra proposta oggi la commissione Ambiente ha affrontato in un vero e proprio tavolo tecnico, cause e soluzioni sugli ormai cronici disagi che provocano gli eventi alluvionali a Palermo. Chi parla di evento straordinario con l’allagamento dei sottopassi di Palermo mente o fa finta di non ricordare dato che si registrano ogni anno anche se non di tale entità. Le responsabilità sono molteplici e abbiamo il dovere di risolvere la questione: Servono un sistema di allerta meteo efficiente, sistemi di early warning, semafori e dissuasori agli ingressi dei sottopassi e gli interventi tanto attesi del rifacimenti dei collettori nord e sud e del cosiddetto ferro di cavallo che potrebbero risolvere il problema del deflusso delle acque. Oggi abbiamo trovato intesa tra gli attori coinvolti, ma si faccia in fretta”. A dichiararlo sono i deputati regionali del Movimento 5 Stelle Roberta Schillaci e Giampiero Trizzino a margine dell’audizione in Commissione Ambiente all’Ars avente per oggetto il recente nubifragio che ha colpito Palermo il 15 luglio.

“Le responsabilità – spiegano Schillaci e Trizzino – sono molteplici. Al di là delle opere straordinarie, il Comune di Palermo ha l’obbligo e il dovere di effettuare la manutenzione ordinaria, come la pulizia delle caditoie, la scerbatura degli spartitraffico e la rimozione meccanica dei rifiuti e degli aghi di pino, cosa che oggettivamente non avviene puntuale e pianificata. E’ scandaloso in ogni caso che il piano di prevenzione del Comune di Palermo risalga al 2012. Non è l’ora di fare polemica, ma servono fatti immediati. Tra questi, abbiamo avuto rassicurazione sulla veloce caratterizzazione dei materiali interessanti il collettore nord, lavori già in gara e che saranno terminati nel giro di poche settimane. Occorre un piano immediato di riforestazione delle aree limitrofe della città devastate dagli incendi degli ultimi anni per arginare a monte la discesa di fango e detriti in caso di forti piogge. Occorre insomma un lavoro sinergico tra tutti gli attori in campo, dalla Protezione Civile che presto richiederà l’attivazione di un potente radar meteo per la Sicilia, al Comune, passando per le competenze della Regione a quelle del Governo. Noi siamo disponibili al confronto ma non tolleriamo tentennamenti e perdita di tempo che finiscono per gravare sulla pelle dei cittadini. Siamo d’accordo all’istituzione di una specifica commissione di monitoraggio in quarta commissione Ars che sovraintenda alla realizzazione di questi lavori”, concludono i deputati M5S.

Torna su
PalermoToday è in caricamento