Nomine parchi, la denuncia di Figuccia: "Lottizzazione spietata"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Al di là dei colori che di volta in volta amministrano, dobbiamo impegnarci a piazzare nei vari enti e strutture personalità di spessore culturale e prefessionale, evitando di mettersi tra le mani il manuale Cencelli - a dirlo è Vincenzo Figuccia deputato dell'Udc all'Ars e leader del Movimento Cambiamo la Sicilia che prosegue - noto con rammarico come la coalizione di maggioranza si stia impantanando sulla lottizzazione, sui ricatti, sulla logica della prevaricazione e dei veti incrociati. Se a ciò si aggiunge l'eventualità che chi si è impegnato all'ultima campagna delle europee, potrebbe portare sulle spalle il macigno di impegni non mantenuti, la marmellata è servita. L'impasse sulle nomine che si è venuta a creare in prima commissione può dunque essere superata esclusivamente lasciandosi alle spalle questa visione che mette al centro una reiterata spartizione autoreferenziata".

Torna su
PalermoToday è in caricamento