Sas, i sindacati: "Tempo pieno coi risparmi dei pensionamenti, così teniamo aperti i musei"

Cisl e Ursas-Sadirs chiedono un aumento delle ore di lavoro per i 213 dipendenti della partecipata regionale. "Le risorse ci sono: entro il 2019 andranno in pensione in 44 lavoratori, altrettanti nel 2020. In tutto sono un milione e 300 mila euro in due anni"

Le risorse ci sono anche grazie ai pensionamenti, e c’è anche l’esigenza di personale nei beni culturali: per questo motivo i 213 dipendenti della Sas chiedono l’aumento delle ore fino al tempo pieno. Si tratta dei lavoratori dell’ex bacino Spatafora assunti nel 2007 con 20 ore settimanali e oggi a 32 ore, in attesa di raggiungere quota 36 ore, il tempo pieno. Personale che lavora in musei, parchi, soprintendenze e dipartimento dei Beni culturali soprattutto tra Palermo, Catania, Messina, Agrigento, Brolo, Ragusa.

“Secondo la stessa azienda - dichiarano il segretario Ursas-Sadirs, Pietro La Torre e Giusi La Mattina, Rsa della Cisl - entro il 2019 andranno in pensione 44 lavoratori garantendo un risparmio di 659 mila euro quest’anno e altrettanti nel 2020. In tutto sono un milione e 300 mila euro in due anni. A fronte di ciò, ogni ora di aumento costerebbe 190 mila euro, per cui i costi sarebbero coperti. Inoltre in tutta la Sicilia, nei beni culturali, c’è una forte richiesta di personale per garantire le aperture dei siti. Aumentando le ore si eviterebbe il ricorso continuo allo straordinario”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sindacati rinvolgono quindi un appello al presidente della Regione, Nello Musumeci e al presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, per sollecitare l’applicazione dell’articolo 29 della legge 8 dell’8 maggio 2018 che prevede l’aumento delle ore, ma per un cavillo interpretativo non è stato possibile procedere al completamento dell’orario di lavoro settimanale. ”Interpretando in materia restrittiva questa norma – spiegano La Mattina e La Torre – si penalizzerebbe l’organizzazione dei turni senza garantire l’apertura durante le domeniche e i festivi, non consentendo l’utilizzo in turnazione completa del personale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Condannato a 5 anni il questore di Palermo: "Caso Shalabayeva, fu sequestro di persona"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento