Sabato, 25 Settembre 2021
Politica

Mozione di sfiducia al sindaco, Tantillo prova a coalizzare le minoranze: "No a fughe in avanti"

Il capogruppo di Forza Italia punta a irrobustire il fronte di chi vuole sfiduciare il primo cittadino. Il M5S finora ha raccolto 9 firme, ne servono 16 per calendarizzare l'atto e 27 per approvarlo. "Maggioranza in conflitto con se stessa e l'amministrazione continua a trascurare la città"

"Sulla mozione di sfiducia al sindaco Orlando nessuna fuga in avanti, ma tavolo complessivo delle forze di minoranza". Il capogruppo di Forza Italia, Giulio Tantillo prova a coalizzare le opposizioni e irrobustire il fronte di chi vuole sfiduciare il primo cittadino. "Abbiamo condotto negli ultimi tempi intense e proficue battaglie d'aula - dice - ci riuniremo per discutere delle dinamiche inerenti il contrasto a questa maggioranza e alle eventuali mozioni di sfiducia che come si ricorda sono a norma di regolamento di esclusiva competenza del Consiglio comunale, e non di certo dei Consigli circoscrizionali, e per le quali sono previsti dei quorum specifici per la presentazione, trattazione e approvazione". 

Per depositare ufficialmente la mozione e calendarizzare la discussione in Aula sono necessarie almeno 16 firme, su un totale di 40 consiglieri comunali; mentre per l'approvazione del documento occorrono 27 voti. Nelle scorse settimane il Movimento 5 Stelle ha avviato una mozione di sfiducia, che finora ha raggiunto quota 9 sottoscrizioni.   

"Nell'ultima manovra di assestamento di bilancio - prosegue il vicepresidente di Sala delle Lapidi - si sono palesate tutte le difficoltà di una maggioranza ormai in conflitto con se stessa e di un'amministrazione che non ha cura della città". Quindi la stoccata al sindaco: "Questo secondo mandato di Orlando ha messo in luce tutte le criticità che non vengono affrontate: dalle periferie alla mobilità, per non parlare della mancanza di visione e sviluppo del tessuto economico cittadino, del trasporto pubblico e della raccolta dei rifiuti".

"Emerge con tutta evidenza - conclude Tantillo - che la nostra splendida città, al di la di quella che è la propaganda portata avanti da chi la governa, non brilla in tutte le classifiche per qualità della vita e si caratterizza per l'intensità della pressione fiscale e le tante emergenze irrisolte".

"Esprimo la mia soddisfazione - commenta Fabio Costantino, consigliere di Forza Italia in Settima circoscrizione - perché in seguito alla presentazione della mia mozione di sfiducia depositata in Circoscrizione, intesa come atto politico e non amministrativo, finalmente si è mosso anche il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, che fin ora non era intervenuto sul dibattito sulla mozione di sfiducia presentata dai 5Stelle e già firmata da Fdi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mozione di sfiducia al sindaco, Tantillo prova a coalizzare le minoranze: "No a fughe in avanti"

PalermoToday è in caricamento