Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Movimento 5 Stelle, esplode il caso Forello: "Lui epurato? Fatte vergognose insinuazioni"

I consiglieri comunali Concetta Amella, Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo: "Come può essere stato epurato se la riunione per confermare e ratificare il passaggio di consegne deve ancora tenersi?". Argiroffi: "Ho scoperto il nuovo capogruppo da Facebook"

Da sinistra: Viviana Lo Monaco, Concetta Amella, Ugo Forello, Antonino Randazzo, Giulia Argiroffi

"Apprendiamo con rammarico le gravi e irresponsabili dichiarazioni rese alla stampa dal consigliere Forello. Riteniamo altamente lesiva la tesi del tutto infondata portata avanti dal consigliere secondo cui avrebbe affermato di essere stato “epurato” dal M5S per presunte visioni politiche differenti, quando con il post pubblicato ieri sulla pagina Facebook del M5S Palermo si è voluto semplicemente anticipare che presto ci sarebbe stato l’annunciato cambio di capogruppo".  Inizia così la nota dei consiglieri comunali del M5S di Palermo, Concetta Amella, Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo.

"L'annuncio è stato fatto esattamente con lo scopo opposto, ovvero quello di evitare manipolazioni da parte della solita stampa pronta a massacrare il MoVimento senza motivo - dicono i consiglieri -. Ma i giornali ci provano lo stesso! Come può Forello essere stato “epurato” se la riunione per confermare e ratificare il passaggio di consegne (previsto da regolamento), già deciso nelle scorse settimane alla presenza di consiglieri comunali e di circoscrizione, deve ancora tenersi? Tutto ciò ci lascia amareggiati perché una procedura che per il M5S è una routine normale in tutta Italia, quella della rotazione del capogruppo, è stata manipolata con malizia per creare quella frattura 'insanabile' che il collega probabilmente cercava da tempo. Allo stesso modo, troviamo vergognosa l’insinuazione portata avanti da alcuni giornali e giornalisti compiacenti, secondo cui l’avvicendamento sarebbe la conseguenza delle posizioni personali del consigliere Forello a cui, ricordiamo, non è stato MAI impedito di esprimersi sia in Aula, sia sui social. No, si tratta semplicemente dell’ennesima notizia non verificata dalla stampa italiana, distorta appositamente nel tentativo di danneggiare il M5S".

Così invece Giulia Argiroffi interviene sulla vicenda: "Che qualcuno si definisse nuovo capogruppo del mio gruppo - dice - l'ho scoperto dalla pagina Facebook del M5S di Palermo, da cui tra l'altro ieri sono stata anche epurata. Avevo manifestato difficoltà logistiche ad assumere per i prossimi mesi il ruolo di capogruppo che per determinazione alla unanimità sarebbe ora toccato a me per questioni di nuovi equlibri lavorativi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movimento 5 Stelle, esplode il caso Forello: "Lui epurato? Fatte vergognose insinuazioni"

PalermoToday è in caricamento