Politica

Busta con proiettili a Venturino: “Torna nella fognatura o morirai"

Minacce di morte per il vice presidente dell'Ars. Su un foglio l'invito a dimettersi, in caso contrario uno dei proiettili lo avrebbe colpito "in fronte". L'ex grillino: "Episodio grave in un clima di esasperazione. per colpa degli attacchi di Grillo". La solidarietà di Ardizzone e del Movimento 5 Stelle

Minacce di morte ad Antonio Venturino, vicepresidente dell'Ars espulso di recente del Movimento 5 stelle per avere trattenuto la diaria. Una busta con tre proiettili calibro 9 indirizzata allo stesso Venturino è stata notata al centro smistamento delle poste di via Ugo La Malfa, a Palermo.

Su un foglio intestato dell'Assemblea regionale siciliana la minaccia all'ex grillino di dimettersi e di "tornare nella fognatura". In caso contrario uno dei proiettili lo avrebbe colpito "in fronte". Indaga la polizia.

''E' un episodio grave – queste le prime parole di Venturino – che si inserisce in un clima di esagerazione, di rabbia e di intimidazione. Devo però ancora valutare bene, ho appena appreso la notizia, a informarmi è stato il presidente dell'Assemblea Giovanni Ardizzone. Ma non escludo che siano l'opera di qualche esagitato su cui hanno fatto presa gli attacchi di Grillo e di altri nelle piazze nei miei confronti, anche in questi ultimi giorni. Attacchi immotivati e molto duri. Occorre una riflessione".

Le parole di Venturino sono una chiara risposta all'attacco che gli è stato inferto da Grillo che, nel corso di un'assemblea con i parlamentari "5 Stelle" a Montecitorio lo aveva apostrofato come un "pezzo di m...". Quindi, nel corso del tour per le amministrative siciliane è spesso tornato sull'argomento: "Venturino ha visto la grana ed è scappato. Ma glieli darei io i soldi, a quelli come lui, per farli andare via". Il tutto all'interno di una crociata contro i traditori "da cacciare a calci nel culo" con la quale ha arringato la folla di Piazza Armerina. Ma dal Movimento 5 Stelle è giunto un comunicato di solidarietà.

SOLIDARIETA' - Il presidente dell'Ars Giovanni Ardizzone in una nota dichiara: “Esprimo la mia solidarietà e quella dell'intero Parlamento siciliano al collega Antonio Venturino, vittima di una gravissima intimidazione. In un momento estremamente delicato per la vita economica e sociale del nostro Paese e della nostra Regione ritengo necessario che tutti abbassino i toni, per riportare la fisiologica polemica politica nei cardini del normale confronto democratico”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Busta con proiettili a Venturino: “Torna nella fognatura o morirai"

PalermoToday è in caricamento