Sea Watch, Santoro (Lega): "No solidarietà alla Ong, palermitani non ringraziano Conte e Orlando”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Il popolo siciliano non apprezza l’arrivo della nave Sea Watch che trasporta 353 migranti clandestini, falsamente soccorsi in mare, che è quasi giunta al porto di Palermo. Leggiamo dei ringraziamenti rivolti dalla Ong all’ultimo sindaco d’Italia, Leoluca Orlando, per l’accoglienza, peccato che i palermitani non ringraziano il sindaco di Palermo ma anzi auspicano le sue dimissioni immediate e criticano la scelta del Governo nazionale di avere trasformato la Sicilia in un campo profughi, nell’indifferenza dell’Europa. Ciò che sta accadendo in questo momento è a dir poco paradossale". Lo dichiara Stefano Santoro, avvocato penalista e responsabile del dipartimento Giustizia della Lega in Sicilia. 

Aggiunge Santoro: "I 353 migranti clandestini falsamente soccorsi dalla Sea Watch 4, la nave della ong tedesca finanziata dalla chiesa evangelica tedesca, capitanata da questa falsa eroina Giorgia Linardi, stanno per essere trasbordati grazie, al Governo grillo-comunista e al falso buonismo di Leoluca Orlando, sulla nave quarantena 'Allegra' noleggiata dal Governo nazionale i cui costi esorbitanti pari a due milioni e 84.000 euro sono a carico dei contribuenti italiani. Tutto ciò nell’assoluto menefreghismo della Germania che invece avrebbe dovuto farsi carico dell’assistenza e del soccorso nonché dello sbarco nel proprio territorio dei migranti considerato che la Sea Watch 4 batte bandiera tedesca e che ha condotto le operazioni di salvataggio al di fuori dell’area Sar italiana. Il Governo nazionale non fa rispettare i decreti sicurezza e tantomeno quello che dispone il divieto di sbarco per lo stato di emergenza sanitaria proclamata da Conte. Il Governo nazionale è complice degli scafisti e dell’organizzazione dedita all’illecito trasporto di migranti che continuano ad operare indisturbati pure nell’epoca del Coronavirus. Ma ciò che fa davvero accapponare la pelle è che il sindaco di Palermo, sulla cui testa pende una mozione di sfiducia, invece di occuparsi e preoccuparsi dei palermitani, si preoccupa di migranti e musulmani".

Infine Santoro preannuncia: “Presenteremo una denuncia alla Procura della Repubblica di Palermo affinché identifichi i responsabili e accerti la sussistenza dei reati di abuso d’ufficio e di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina".

Torna su
PalermoToday è in caricamento