L'addio alla Lega di Marianna Caronia, Santoro: "Va via nell'assoluta indifferenza"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Così come è arrivata è andata via, nell'indifferenza totale dei cittadini, dei dirigenti e militanti della Lega della provincia di Palermo. E' di tutta evidenza che le opinabili ragioni addotte dalla Caronia a sostegno della sua uscita dal partito, dopo una fulminea apparizione, sono inconsistenti e contraddittorie, essendo invece noto che la deputata regionale aveva aderito alla Lega per assecondare la sua spasmodica ambizione politica. Ma ciò non poteva essere assecondato dalla Lega che notoriamente è un partito che attribuisce ruoli e funzioni soltanto dopo un attenta valutazione e secondo criteri di riconosciuto impegno e quindi di meritocrazia". Lo scrive in una nota l'avvocato penalista Stefano Santoro, responsabile del dipartimento Giustizia della Lega in Sicilia.

Torna su
PalermoToday è in caricamento