menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marcia per i disabili con Pif e Lorefice, Crocetta: "Già stanziati 36 milioni"

Il presidente della Regione continua a snocciolare cifre e a distinguere tra disabilità più o meno gravi. Gli organizzatori dalla protesta replicano: "Siamo tutti fragili con bisogni diversi"

Palermo domani scende in strada per protestare al fianco dei disabili. In tantissimi hanno già accolto l’invito a partecipare alla marcia per la dignità lanciato dal gruppo "Siamo handicappati no cretini" che si terrà sul piano della Cattedrale alle 11. "Saluto positivamente il fatto che i soggetti con disabilità scendano in piazza - afferma il presidente della Regione Rosario Crocetta - ma sottolineo che il mio governo ha già stanziato 36 milioni di euro per l'assistenza di fondi regionali destinati ai soggetti con disabilità gravissima".

A sostegno "del sacrosanto diritto delle persone in stato di disabilità ad avere un’assistenza continua che prescinda dall’aumento o meno delle tasse, che sia programmata attraverso un canale di finanziamento fisso" il presidente di Confcommercio Patrizia Di Dio parteciperà alla marcia per la dignità. “Come imprenditori ci auguriamo sempre che gli enormi sacrifici che facciamo, per sostenere il peso fiscale di tasse e balzelli di tutti i tipi -  afferma Patrizia Di Dio – vadano nella direzione di alleviare le sofferenze di chi sta peggio di noi. E se la spesa pubblica che noi tutti cittadini e imprese foraggiamo, anziché alimentare privilegi e sprechi, andasse nella direzione di una società più giusta e concretamente solidale, non potremmo che esserne felici e orgogliosi dei sacrifici indirizzati verso le giuste cause”.

Ha confermato la sua presenza anche l'arcivescovo Corrado Lorefice. "Grazie Don Corrado - scrivono gli organizzatori sul gruppo Facebook -. Mantenendo fede alle sue promesse, e con grande vicinanza, l'arcivescovo Corrado ci ha garantito la sua presenza per mercoledì 12". Atteso anche Pif che lo scorso 21 febbraio ha marciato con l'esercito delle carrozzine e fatto irruzione alla Regione per chiedere assistenza.

Ma la lista è ancora lunga. Dal Coordinamento H, al forum del III Settore, passando per la pastorale diocesana disabili. Tante le associazioni di volontariato, del mondo della cultura, dell'associazionismo che hanno deciso di esserci. I disabili chiamando in piazza la società civile: "Per un'ora, proviamo ad essere uniti. Proviamo a camminare assieme per un mondo più giusto! La disabilità può colpire tutti quando meno ce lo aspettiamo".

I MOTIVI DELLA PROTESTA - Il corteo silenzioso partirà alle 11 dal sagrato della Cattedrale e arriverà fino a piazza Indipendenza. "Abbiamo assistito in questi ultimi mesi ad un confronto senza precedenti con le istituzioni - spiegano in una nota - . Sono venuti a galla anni e anni di abbandono, interessi, mediocrità, silenzi, sotterfugi. Continuiamo ad assistere ad offese, inganni, prese in giro che offendono la nostra condizione di persone con disabilità. Abbiamo lottato con le unghie per il diritto di tutte le persone con disabilità, senza distinzione. Siamo tutti fragili con bisogni diversi. Siamo stati più volte a discutere con tutti i politici, i dirigenti, gli amministratori. Siamo ormai sconfortati ma risoluti. Gli annunci si moltiplicano, le promesse abbondano e noi siamo diventati la merce di scambio". 

REPLICA CROCETTA -  "Sono già infatti stati emessi i decreti di finanziamento, a favore dei soggetti con disabilità gravissima, identificati dalle Asp di Caltanissetta (141) ed Agrigento (185) - commenta il presidente della Regione - Sono già operativi, inoltre, venti milioni addizionali – parliamo sempre di fondi regionali – che vengono destinati all'accudienza e al trasporto dei disabili nelle scuole superiori. Per quanto riguarda, dunque, i nuovi fondi già stanziati con il bilancio provvisorio, la Regione ha implementato il fondo per la disabilità con 56 milioni di euro. E' già operativo, poiché la giunta ha deliberato, il trasferimento delle risorse per 36 milioni dei fondi statali per la non autosufficienza del 2016 e l'anticipazione di 30 milioni, non ancora stanziati dallo Stato, per il 2017. Ciò permette ai distretti sanitari di programmare immediatamente le politiche a favore della disabilità e la non autosufficienza. Nelle nuove proposte di bilancio, per il 2107 è previsto un ulteriore fondo di 34 milioni a valere sui trasferimenti agli enti locali, che può essere utilizzato solo per la disabilità grave e gravissima. Tale fondo sarà immediatamente disponibile, appena verrà approvata la finanziaria, quindi entro il 30 aprile. Per il 2018 e 2019, oltre alla riconferma delle cifre previste per il 2017, viene creato un ulteriore fondo di 158 milioni di euro". La lunga lista di cifre stanziate, secondo il Governatore è la prova di "uno sforzo notevole, che comunque necessita di nuovi interventi". "Se si tiene conto, però, anche del fatto che a partire dal 2017, l'assessorato alla Salute, ha implementato il fondo per l'assistenza sanitaria alle persone con disabilità portandolo a circa 300 milioni - conclude Crocetta - è evidente che la Regione ci sta mettendo tutto l'impegno possibile. Credo, comunque, che tutta la vicenda della disabilità vada affrontata in modo globale, attraverso il confronto democratico con le associazioni".
  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento