Gilet arancioni, manifestazione a Palermo con Pappalardo: "Siciliani chiamati a votare in piazza"

Il Movimento Gilet Arancioni dopo aver depositato il documento che chiede le dimissioni immediate del Governo Conte e il ritorno alla Lira, chiama Siciliani a votare, 14 giugno 2020 in Piazza del Parlamento a Palermo, importantissimi punti cardine per la Sicilia.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il Movimento Gilet Arancioni capitanati dal Generale Antonio Pappalardo, dopo aver depositato presso Senato della Repubblica, alla Camera dei Deputati, alla Presidenza del Repubblica ed alla Presidenza del Consiglio dei Ministri il documento che chiede le dimissioni immediate del Governo Conte e il ritorno alla Lira, chiama tutti i Siciliani a votare il 14 giugno 2020 ore 16 a Palermo, in Piazza del Parlamento. Come già noto, in data 3 giugno 2020 il Movimento Gilet Arancioni dopo essersi riuniti in trentatré piazze dei capoluoghi e delle principali città d'Italia si sono dati appuntamento a Roma per approvare il documento in cui si chiedono le dimissioni immediate di Giuseppe Conte.

Le stime ufficiali parlano di oltre 40 mila votanti del documento che nella stessa giornata è stato consegnato personalmente dal Presidente del Movimento Antonio Pappalardo al Senato della Repubblica, alla Camera dei Deputati, alla Presidenza del Repubblica ed alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. A partire da lunedì 8 giugno, il MGA ha posizionato un gazebo permanente in Piazza del Popolo in Roma posizionando inoltre dei gazebo nelle piazze dei capoluoghi di regione per continuare l'operato del Movimento raccogliendo ad oltranza le firme del popolo.

Il Generale Pappalardo presenzierà il 14 giugno a Palermo in Piazza del Parlamento ed invita tutti i Siciliani a partecipare numerosi alla manifestazione di voto. Si discuteranno numerosi punti cardine specifici per la Sicilia tra cui ad esempio l'attuazione piena e immediata dello Statuto per l'autonomia siciliana, la valorizzazione dei prodotti agricoli della Sicilia con abbattimento del 50% delle accise per il gasolio e benzina, no 5G, no vaccini obbligatori di massa, etc... "Io, Antonio Pappalardo, sono tenace come i tutti i Siciliani, non mi fermo né mi sono mai fermato davanti alle ingiustizie" afferma il Presidente Pappalardo "ho sempre combattuto anche per la mia Sicilia stando a fianco dei più deboli, c'è bisogno dei Siciliani per farci sentire contro questo Governo".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento