A rischio stipendi e tredicesime dei forestali: "Natale senza soldi per 20 mila famiglie?"

Lo slittamento dei pagamenti è dovuto alla mancata pubblicazione in Gazzetta ufficiale delle variazioni di bilancio. I sindacati lanciano un appello alla Regione: "Attivare tutte le procedure ordinarie e straordinarie possibili per risolvere il problema"

Salta la pubblicazione in Gazzetta ufficiale delle variazioni di bilancio approvate dall'Ars: 20 mila forestali siciliani rischiano di passare le feste senza stipendi e tredicesime. A lanciare l'allarme sono le sigle Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil Sicilia. A far temere ai sindacati lo slittamento dei pagamenti "la pubblicazione nella Gurs della norma della legge Finanziaria regionale, avvenuta solo martedì scorso, la mancata apertura a oggi del sistema informatico contabile e la prevista chiusura il 21 dicembre della Ragioneria generale". 

I lavoratori devono ancora ricevere anche la retribuzione di novembre. I sindacati lanciano un appello al presidente della Regione, Nello Musumeci, e all’assessore regionale all’Agricoltura: “Attivare tutte le procedure ordinarie e straordinarie possibili per risolvere il problema. Anche perché ci era stato assicurato che non ci sarebbe stato alcun blocco, invece oggi, date alla mano, dobbiamo constatare che c’è un serio rischio che 20 mila famiglie abbiano problemi economici in questo periodo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da Campofiorito, vede disegno della figlia in tv e dà sue notizie: "Sto bene"

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • L'agguato con la pistola e la rapina in mezzo al traffico, arrestato diciassettenne

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Non si ferma l'ondata di maltempo su Palermo: prosegue l'allerta meteo arancione

Torna su
PalermoToday è in caricamento