rotate-mobile
Sabato, 10 Dicembre 2022
Politica

"No perditempo, no pecore zoppe": è bufera per una mail della segretaria generale della Città metropolitana

Così Antonina Marascia conclude una lettera che dà seguito a una direttiva del sindaco metropolitano Roberto Lagalla, finalizzata alla ricerca di personale per potenziare il servizio gare, appalti e contratti. La Cgil: "Chieda scusa ai lavoratori e il sindaco Lagalla prenda una posizione forte di condanna"

"No perditempo, no pecore zoppe". A scrivere questa frase - in calce ad una mail nella quale vengono sollecitati i dirigenti a individuare personale per il potenziamento del servizio gare, appalti e contratti - è la segretaria generale della Città Metropolitana di Palermo, Antonina Marascia. Una frase offensiva - secondo i sindacati, che adesso pretendono le scuse ai lavoratori - che fa scoppiare una vera e propria bufera all'ex Provincia.

Nella mail incriminata, la segretaria Marascia dà seguito a una direttiva del sindaco metropolitano Roberto Lagalla finalizzata "al rispetto delle tempistiche di aggiudicazione dei progetti finanziati con fondi extrabilancio", invitando i dirigenti "a segnalare immediatamente personale di categoria B, C e D da assegnare, anche in via transitoria, agli uffici per il raggiungimento dell'obiettivo".

L'obiettivo è il potenziamento del servizio gare, appalti e contratti, da attuare tramite personale "con esperienza in materia e, comunque, di buona volontà. No perditempo, no pecore zoppe". La richiesta finale manda su tutte le furie i sindacati, che reagiscono a stretto giro di posta: “Si tratta di una dichiarazione offensiva - dicono il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo e il segretario generale Fp Cgil Palermo Giovanni Cammuca - nei confronti di tutti i lavoratori dell’ente e in particolare del lavoratori più anziani che, nonostante tutti i problemi, anche problemi gravi di salute, oltre che di carenze di organico, hanno continuato a dare il massimo di sé in un ente che non fa assunzioni da decenni, dove l’età media è di 60 anni, e che solo adesso sta iniziando a colmare quei vuoti di competenze che esistono, considerate le sfide che abbiamo davanti, a partire dal Pnrr". 

"Ci aspettiamo - concludono Ridulfo e Cammuca - un atto di umiltà da parte della segretaria generale, che riconosca l'errore e chieda scusa ai lavoratori. Chiediamo al sindaco, al quale è stata indirizzata la nota del vertice dell’ente, una presa di posizione forte di condanna per parole che mettono in imbarazzo l’intera amministrazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No perditempo, no pecore zoppe": è bufera per una mail della segretaria generale della Città metropolitana

PalermoToday è in caricamento