Corruzione nel Trapanese, M5S contro Musumeci: "Indagati e arrestati gli hanno portato voti"

Duro affondo dei parlamentari pentastellati contro il governatore dopo l'operazione condotta dai carabinieri a Castelvetrano che ha fatto scattare l'arresto per 27 persone mentre altre dieci sono indagate

Francesco Cappello

“L’unico denominatore comune sull’indagine delle ultime ore e quella che ha portato agli avvisi di garanzia dei giorni scorsi è l’imbarazzante silenzio di Musumeci, anche se comprendiamo le sue enormi difficoltà: i voti di chi è ora indagato o, peggio, arrestato hanno contribuito a portarlo alla guida della Regione, sarebbe pertanto enormemente complicato per lui prenderne le distanze”. Lo afferma il capogruppo del Movimento 5 stelle all’Ars, Francesco Cappello, in merito all'operazione portata a termine a Castelvetrano con 27 arrestati e 10 indagati a piede libero.

“Ormai – dice Cappello – è estremamente difficoltoso tenere aggiornata la contabilità dei provvedimenti della magistratura che hanno colpito politici alla corte del presidente. Non abbiamo fatto a tempo a chiedere, in assoluta solitudine, le dimissione di Savona, la cui presenza alla guida della commissione Bilancio ci sembra estremamente inopportuna ed incompatibile con le pesantissime accuse che lo riguardano, che ci ritroviamo a far i conti con gli arresti dell’ex deputato Lo Sciuto, oltre che di Cascio, e dell’avviso di garanzia per Lagalla. Senza contare le indagini in corso per altri assessori di Musumeci.  Di Savona aspettiamo ancora un passo indietro, è inammissibile che durante l’esame del collegato guidi i lavori della Commissione Bilancio, mentre sulla sua testa pende un’indagine per truffa. Ma tutti fanno finta di non vedere e sentire, Pd e Fava compresi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando il pentito disse: "Indagate su quella loggia segreta di Castelvetrano“

“Purtroppo – affermano i deputati 5 stelle della provincia di Trapani, Sergio Tancredi e Valentina Palmeri - oggi è l'ennesima giornata in cui i riflettori sono puntati sulla provincia di Trapani per fatti gravi, legati alla politica ed alle mafie. Va dato un plauso alle forze dell'ordine che stanno smantellando i sistemi di controllo illeciti sul territorio, con un lavoro certosino e puntuale. Spero che si arrivi ad una nuova consapevolezza da parte dei  cittadini , perché è chiaro che adesso è il momento per rialzare la testa e liberarsi dal giogo delle mafie  e della corruzione, che da sempre controllano e opprimono la provincia di Trapani”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento