Domenica, 14 Luglio 2024
Politica

Mafia nelle fiction, Re (Movimento italiano per la gentilezza): "Basta con questi stereotipi criminali, sono diseducativi e devianti"

"Deviante serie tv su Maria Corleone e ci auguriamo che non si realizzi fiction su boss Denaro"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

'Non possiamo più tollerare modelli televisivi che narrano stereotipi mafiosi e criminali,con una narrazione fuorviante e nte dove le figure criminali o lo stile di vita di fuorilegge diventano il simbolo della forza, del migliore". Lo ha detto il presidente del Movimento italiano per la gentilezza, Natalia Re che ha aggiunto: "Da più di vent'anni i canali televisivi producono e mandano in onda serie televisive dove il protagonista è un super boss della mafia, divenendo idolo della massa, ed anche oggetto di merchandising. Anche l'ultima fiction Maria Corleone si inserisce perfettamente in questa logica di esaltazione di modelli femminili assolutamente distorti e devianti. E tra poco ci aspettiamo l'uscita anche di una serie tv sul superlatitante Matteo Messina Denaro, che è morto oggi, un'esaltazione di un modello di un uomo che dovrebbe essere assolutamente dimenticato piuttosto che ricordato con fiction che lo celebrano. La Tv ha un ruolo importante, educa, forma e plasma i comportamenti di ognuno, soprattutto in età adolescenziale. Non possiamo permetterci che passi un messaggio fuorviante e assistere a delle serie dove i cattivi diventano dei leader. Ci opporremo sempre a tutto questo e facciamo un appello ai produttori affinché rinuncino a dare spazio a queste fiction e ci uniamo anche alle dichiarazioni presidente del tribunale dei minorenni di Trento, Giuseppe Spadaro, decisamente critico sulle serie come Gomorra e Mare Fuori, che invita i produttori a promuovere serie tv con modelli emulativi di uomini e donne di associazioni come Libera e di chi opera per la difesa e il trionfo della giustizia. Ci auguriamo - conclude - che presto si verifichi un'inversione di tendenza nei palinsesti televisivi e si punti piuttosto su storytelling che esaltano la forza gentile, la cultura dell’ascolto e dell’accoglienza"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia nelle fiction, Re (Movimento italiano per la gentilezza): "Basta con questi stereotipi criminali, sono diseducativi e devianti"
PalermoToday è in caricamento