Varrica (M5S): “A rischio bando per asili, Comune richieda fondi per Sperone e Borgo Vecchio”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

I finanziamenti richiesti a Roma lo scorso marzo per gli asili dei quartieri Sperone e Borgo Vecchio di Palermo difficilmente verrano accordati. Il deputato Adriano Varrica, in una nota cofirmata dai consiglieri comunali Viviana Lo Monaco, Antonino Randazzo e Concetta Amella e dai consiglieri di seconda e ottava circoscrizione Pasquale Tusa e Alessandro Amore, ha proposto un canale di finanziamento nazionale alternativo per realizzare i due importanti interventi.

"Abbiamo scritto al Sindaco - afferma Varrica - per chiedere di presentare istanza a Roma per il finanziamento della realizzazione dell'asilo allo Sperone in via XXVII maggio e per la riqualificazione di quello esistente al Borgo Vecchio. Siamo ben consapevoli che entrambi gli interventi siano stati presentati di recente nell'ambito del programma ministeriale ‘Qualità dell'abitare’, ma riteniamo che difficilmente potranno essere finanziati a causa della distanza degli stessi con i criteri di ammissibilità. È evidente - spiega il deputato del Movimento 5 Stelle - che l'espresso richiamo agli asili e alle periferie nel decreto da noi suggerito, invece, permetterebbe di essere estremamente ottimisti sulla possibilità di finanziare i due interventi”.

"Abbiamo tempo fino alla seconda metà di maggio, chiediamo alla Giunta di prendere una immediata decisione e di promuovere un'azione, coinvolgendo  il territorio, per integrare il progetto dello Sperone con la riqualificazione dell'area circostante al futuro asilo a servizio dello stesso. Il massimale per ciascun progetto è infatti di 3 milioni di euro (contro i 500mila finora previsti)".

Continua l'impegno concreto del M5S sul fronte delle infrastrutture sociali destinate all'infanzia. “Dopo il reperimento dei 3 milioni di euro per l'asilo di Brancaccio e il recupero di 7 milioni per 3 scuole materne, di cui una di nuova costruzione, tra lo Zen e lo Sperone, proviamo a tutelare altre strutture fondamentali per l’istruzione e la formazione dei nostri bambini - conclude Varrica - Stiamo supportando e accompagnando l'Amministrazione comunale in ogni passaggio, in condivisione dello specifico obiettivo di una Palermo dotata di servizi e infrastrutture per l'infanzia e la famiglia in tutti i quartieri, a partire da quelli periferici".

Torna su
PalermoToday è in caricamento