Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Termini Imerese, no del M5S alla riconversione della centrale Enel

Enel avverte che, qualora l'amministrazione comunale non rilasci parere favorevole al progetto preliminare di frazionamento della Centrale di Termini Imerese, agirà dinnanzi alla Autorità giudiziari contro l'amministrazione comunale

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

In una incredibile nota del 12 settembre, trasmessa da Enel Produzione spa al comune di Termini Imerese, la società avverte che, qualora l'amministrazione comunale non rilasci parere favorevole al progetto preliminare di frazionamento della Centrale Ettore Majorana di Termini Imerese, entro 15 giorni dal ricevimento della suddetta nota, agirà dinnanzi alla Autorità giudiziari contro l'amministrazione comunale. "Una richiesta del tutto folle dal momento che, non solo Enel non ha mai coinvolto attivamente la città di Termini Imerese, ma adesso vuole addirittura imporre al territorio ed ai cittadini un progetto di stoccaggio di idrocarburi, peraltro mai ufficialmente depositato presso gli uffici del Comune di Termini Imerese.

Il progetto di frazionamento ha ottenuto il parere contrario dell'ufficio tecnico del comune, con conseguente presa d'atto del consiglio comunale nella seduta del 27 settembre u.s.-aggiunge la consigliera comunale del M5S, Maria Terranova- che ribadisce il fermo No al progetto e si dichiara pronta, con tutti gli attivisti, ad una durissima battaglia in difesa del territorio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Termini Imerese, no del M5S alla riconversione della centrale Enel

PalermoToday è in caricamento