menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Orlando scrive a Boldrini e Grasso: "Legalizzare le droghe leggere"

Secondo il sindaco e il Consiglio comunale tutto, che ha approvato la mozione, proposta dal comitato "Esistono i Diritti" e presentata dal consigliere Alberto Mangano, legalizzarne la produzione e la commercializzazione toglierebbe potere economico alle mafie

Il sindaco Orlando accende i riflettori sulle droghe leggere inviando ai presidenti di Senato e Camera, Pietro Grasso e Laura Boldrini, una lettera con cui ne chiede la legalizzazione.

"L'undici ottobre scorso - spiega il sindaco - il Consiglio comunale di Palermo ha approvato la delibera n.524 che ha per oggetto una mozione per il passaggio da un impianto normativo proibizionista ad un impianto che punti alla legalizzazione della produzione e distribuzione delle droghe definite comunemente leggere. E' mio dovere rappresentarle questa presa di posizione politica del Consiglio, ottenuta senza alcun voto contrario e con un consenso trasversale, in quanto testimonia come la nostra città abbia a cuore ogni azione che contrasti gli interessi della criminalità organizzata, in sintonia con le dichiarazioni del Procuratore Nazionale Antimafia e la condizione drammatica delle nostre carceri, oggi affollate di tossicodipendenti e giovani, rei solamente di aver posseduto una pianta di cannabis o qualche dose di erba".

La mozione, stata proposta dal comitato "Esistono i Diritti" e presentata dal consigliere Alberto Mangano, ha lo scopo di sollecitare il Parlamento a varare un provvedimento di legalizzazione controllata delle droghe che tuteli la salute dei consumatori e tolga potere economico alle mafie.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento