Politica

La provincia palermitana che si riscopre leghista: arrivano nuove adesioni

Si tratta del presidente del consiglio e di un assessore del Comune di Campofiorito, e di un consigliere di Chiusa Sclafani. Igor Gelarda, responsabile siciliano degli enti locali della Lega: "Stiamo notando un incredibile entusiasmo verso il nostro progetto"

Igor Gelarda, Vito Chiara, Stefano Candiani e Anna Maniscalco

Continua l'adesione al progetto della Lega in provincia di Palermo. Oggi hanno aderito alla Lega Salvini premier il presidente del consiglio ed un assessore del comune di Campofiorito, e un consigliere di Chiusa Sclafani. Si tratta di Anna Maniscalco, 39 anni, laureata in Scienze della formazione primaria e insegnante  di sostegno, sposata e con due figli. Consigliere comunale, prima eletta, alle ultime amministrative nelle fila di una lista civica e nominata assessore con deleghe alla pubblica istruzione, cultura, pari opportunità, sport, politiche giovanili del comune di Campofiorito.

L'altra adesione è quella di Vito Chiara, 42 anni sposato e con due figli, geometra, eletto tra le fila di una lista civica al consiglio di Campofiorito, dove riveste la carica di presidente del consiglio. Ha sposato la Lega anche Pietro Giammalva (foto in basso) consigliere comunale, operaio edile, eletto nel 2017 a Chiusa Sclafani in una  lista civica .  

"Siamo protesi verso il progetto di una lega che si occupi dello sviluppo territoriale della sicilia - dichiara Igor Gelarda, responsabile siciliano degli enti locali della Lega, appena nominato dal senatore Candiani e consigliere comunale di Palermo - e stiamo notando un incredibile entusiasmo delle persone verso il nostro progetto. Attualmente  Ci sono in coeso numerose interlocuzioni in tutta la provincia, e con molti giovani interessati. La gente non ne può più e la Sicilia, e i siciliani, hanno diritto al riscatto".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La provincia palermitana che si riscopre leghista: arrivano nuove adesioni

PalermoToday è in caricamento