La Lega guarda alle elezioni del 2022, Anello: "Ci candidiamo a governare per cancellare Orlando" 

Il neo commissario cittadino traccia la rotta del partito di Salvini, a cominciare dalle prossime comunali. "Vogliamo dar vita a una coalizione vincente con le altre forze del centrodestra". L'ingresso dei Figuccia? "Con loro rapporto storico, abbiamo trovato la quadra"

Alessandro Anello

"Stiamo progettando la Palermo del 2022, ci candidiamo a governare per cancellare le sciagure del sindaco Orlando". Alessandro Anello, neo commissario della Lega per la città di Palermo e responsabile regionale Enti locali traccia la rotta presente e futura del partito a cominciare dal progetto Palermo, dove sono stati già organizzati i tavoli tematici insieme con il capogruppo in Consiglio comunale, Igor Gelarda.

“L’idea è di portare avanti un partito che possa governare, nella misura in cui riesca a fare squadra con le altre forze del centrodestra. E’ importante dar vita a una coalizione vincente - sostiene Anello - in grado di esprimere una squadra di governo serio. L’attuale non lo è. In tre anni e mezzo Orlando ha cambiato quasi 30 assessori: ritengo che in pochissimi siano all’altezza del ruolo che gli è stato assegnato. Noi vogliamo gente con esperienza, che conosca la macchina amministrativa di Palermo e non tema di mettere mano ai numerosi problemi che affliggono questa città. La nostra pianta organica è vetusta non riusciamo a rimpiazzare chi sta andando in pensione. Mancano i dirigenti tecnici: non si può portare avanti l’attività amministrativa con un solo ingegnere capo area. Bisogna lavorare su questo. E, a differenza di Orlando, senza personalismi. Fra 18 mesi, purtroppo, la città sarà in condizioni persino peggiori rispetto alle attuali”.

Sull'ingresso "rumoroso" nella Lega palermitana del deputato regionale Vincenzo Figuccia, insieme alla sorella Sabrina in Consiglio comunale, Anello chiarisce: "In realtà non ci sono mai stati problemi all’interno del partito, ma solo la necessità di trovare la quadra. Grazie a Matteo Salvini e Stefano Candiani l’abbiamo trovata alla grande. Abbiamo creato una squadra che farà crescere la Lega a Palermo e in Sicilia. Io con i Figuccia ho un rapporto storico: nella mia duplice mansione - da commissario cittadino e da responsabile Enti locali Sicilia occidentale - svolgerò assieme a Vincenzo un’attività intensa per tutti gli 82 Comuni della provincia di Palermo. Dopo le Amministrative ci saranno le Regionali: in quell’occasione - conclude Anello - dovremo presentare una lista forte che ci permetta di strutturare definitivamente il partito in Sicilia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento