menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza Indipendenza, villa al buio da tre anni: "Per iniziare i lavori serve un archeologo"

Malgrado l'ok al nuovo impianto d'illuminazione, tutto è fermo. L'area ricade in una necropoli punica, Galante (Amg): "La sovrintendenza ha imposto la nomina di un archeologo". L'assessore Arcuri: "La prossima settimana pubblicheremo l'avviso". Protesta il M5S: "Già sei mesi di ritardo"

Da più di tre anni, la villa di piazza Indipendenza si trova completamente al buio. Per motivi di sicurezza, il vecchio impianto d'illuminazione è stato spento. E mai più riacceso, malgrado a fine 2016 la Giunta comunale abbia dato l'ok ai lavori per la realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione pubblica: importo complessivo, poco meno di 200mila euro.

Reperiti i fondi, il sindaco Leoluca Orlando aveva annunciato che i lavori sarebbero iniziati l'estate scorsa. Ad oggi però l'Amg - che dovrebbe provvedere all’installazione di 29 pali in ghisa con relative lampade - non è entrata in azione. Il motivo? "La sovrintendenza dei Beni culturali ha imposto la nomina di un archeologo perché nell'area in cui si trova la villa ci sono dei reperti di origine punica" dice Giampaolo Galante, presidente di Amg Energia. "La nomina - prosegue Galante - deve essere fatta dal Comune, nella fattispecie dall'assessorato Pianificazione Urbana e Territoriale".

"Amg avrebbe potuto conferire direttamente l'incarico - afferma l'assessore Emilio Arcuri - visto che si tratta di un importo sotto soglia. Tuttavia la sovrintendenza ci ha suggerito di fare un avviso pubblico. Siamo in dirittura d'arrivo, la prossima settimana l'avviso sarà pubblicato". Il M5S, che con il consigliere comunale Igor Gelarda ha presentato un'interrogazione sulla mancata illuminazione della villa di piazza Indipendenza, chiede di fare in fretta: "I lavori dovevano iniziare l'estate scorsa - sottolinea Gelarda assieme a Mirko Dentici (nella foto), consigliere grillino della Quarta circoscrizione che si è occupato della vicenda - si sono già accumulati sei mesi di ritardo. Che proprio lì ci sia un'area archeologica è risaputo da sempre. L'esistenza della necropoli punica, la più grande del Mediterraneo, è nota a tutti".

Dentici m5s-2"Questa - concludono i due esponenti del Movimento 5 Stelle - è l'ulteriore conferma dell'incapacità di questa amministrazione di portare a termine un progetto, considerata l'importanza di tali lavori sia per evitare atti di criminalità sia per far risorgere la bellezza della piazza stessa in quanto al centro del percorso Unesco".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento