Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Idv: “Subito il regolamento Movida, il consiglio non sia inerte”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Ho inviato una nota alla presidenza del Consiglio comunale e ai capigruppo per sollecitare la trattazione del regolamento sulla movida entro il 30 settembre, data in cui scadrà la vecchia ordinanza". Lo dice il presidente della commissione Attività produttive del comune di Palermo Paolo Caracausi (Idv).

"Il consiglio comunale non può apparire inerte su un argomento tanto delicato, proprio in un momento in cui si sta dando una svolta alla città con l'approvazione di un altro atto importante come il regolamento sulla pubblicità - dice Caracausi - la commissione da mesi cerca di confrontarsi con gli uffici per avere un parere sulle proprie proposte di modifica al regolamento dell'amministrazione, ma senza successo. Abbiamo presentato già da alcune settimane le nostre proposte di modifica, condivise con le associazioni di categoria, i rappresentanti dei residenti e dei musicisti, che hanno collaborato con noi alla stesura del documento. Ci rammarica che, malgrado i solleciti e gli atti del consiglio comunale che spesso si è sostituito all'amministrazione attiva, oggi si venga tacciati di inerzia".

"Non possiamo non evidenziare che ancora oggi in queste ordinanze ci sono degli errori o cambi di opinione - conclude Caracausi - come la proroga, per tutto ottobre, della possibilità di fare musica all'esterno fino all'una di notte il venerdì e il sabato, quando la concessione doveva essere limitata al solo periodo estivo. Se l'ordinanza sindacale è stata così efficace, perché i cittadini continuano a protestare e a non dormire? Perché in molti luoghi della città ancora si fa musica amplificata a tutte le ore? I cittadini sono forse impazziti?".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Idv: “Subito il regolamento Movida, il consiglio non sia inerte”

PalermoToday è in caricamento