Mercoledì, 19 Maggio 2021
Nadia Spallitta
Politica

Hotspot migranti allo Zen, Spallitta: “Inaccettabile, Sinistra Comune passi all’opposizione”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“La realizzazione di un hotspot a Palermo non si addice a una città dell’accoglienza, al mosaico - parola tanto amata dal nostra sindaco Leoluca Orlando - delle tante diversità che ci caratterizzano. Un progetto che non si addice ad una città Capitale delle culture”. Lo dice Nadia Spallitta, esponente della sinistra, già vice presidente vicaria del Consiglio comunale

“Ritengo che sia inaccettabile, tra l’altro - aggiunge - che Palermo divenga sede di un istituto espressione di una legge incostituzionale, che introduce un regime di detenzione sostanziale per soggetti non solo innocenti, ma in alcuni casi richiedenti asilo politico, con evidente violazione dei principi sanciti dalla nostra Costituzione che, invece, all’articolo 13 tutela la libertà personale come diritto fondamentale e che, all’articolo 10, sancisce come fondamentale il diritto di asilo nel territorio della Repubblica italiana. Credo che il gruppo consigliare Sinistra Comune debba uscire da quello che, a mio avviso, è un ambiguo sostegno ad un’amministrazione comunale a conduzione
‘renziana’. Questo gruppo consiliare - conclude Nadia Spallitta - dovrebbe prendere le distanze da scelte che contrastano con i principi di solidarietà sociale della sinistra e iniziare, da questo momento, una sana e costruttiva opposizione. Ciò servirebbe a garantire una maggiore trasparenza e democrazia alle scelte che riguardano la città”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hotspot migranti allo Zen, Spallitta: “Inaccettabile, Sinistra Comune passi all’opposizione”

PalermoToday è in caricamento