Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

Ecco il nuovo presidente della Rap, Orlando sceglie Norata ma senza l'ok dei renziani

Il sindaco: "Scelta di professionalità e competenza". Tecnico di area Pd, finora ha ricoperto il ruolo di liquidatore dell'Ato 5. Fonti dem riferiscono che la nomina sia stata decisa dal primo cittadino e dal suo vice Marino bypassando la componente del partito

Giuseppe Norata

Giuseppe Norata è stato designato presidente della Rap. Questa la decisione presa nel corso dell'assemblea del socio unico Comune, che si è svolta oggi. "La nomina - si legge in una nota di Palazzo delle Aquile - sarà formalizzata nei prossimi giorni al termine delle verifiche formali di rito".

Norata, dal 2006 ad oggi, è stato prima presidente, poi amministratore delegato e oggi liquidatore dell'Ato 5 "Ecologia e Ambiente", uno dei più virtuosi della provincia di Palermo. Tecnico in quota Pd, renziano della prima ora, è stato scelto dal sindaco Leoluca Orlando e dal suo vice Sergio Marino che, al termine di una lunga trattativa, hanno forzato la mano. I renziani del Pd, ai quali è stata destinata la presidenza Rap, hanno mostrato più di una resistenza. Il motivo? Non condividono il fatto che nella spartizione degli incarichi il sindaco tratti il Pd come una delle altre liste civiche che formano la coalizione: così hanno riferito fonti interne al Pd, secondo cui se Orlando ha scelto un presidente di area renziana lo ha fatto di sua iniziativa. I renziani, obtorto collo, hanno accettato la nomina alla presidenza Rap, una delle aziende più problematiche della galassia comunale.

Orlando, da par suo, in una nota afferma che si tratta di "una scelta di professionalità e competenza che conferma la volontà di proseguire il percorso di proprietà e gestione pubblica del servizio rifiuti a Palermo, nell'ottica della sempre maggiore efficienza ed efficacia, della tutela dei diritti dei lavoratori e, soprattutto del raggiungimento di obiettivi ben precisi sul fronte della differenziata, per il risparmio economico e la tutela dell'ambiente".

Castelbuonese, candidato sindaco della città madonita nel 2012, Norata (vice dirigente dell’Università) dovrà adesso confermare la sua disponibilità a guidare l'ex municipalizzata che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti. Inizialmente Norata dovrebbe assumere l'incarico di amministratore unico. Secondo quanto previsto per legge, potrà con provvedimento motivato richiedere la costituzione di un Consiglio d'amministrazione, formato da altri due componenti: in pole position per il ruolo di vicepresidente c'è Maurizio Miliziano; per il secondo posto la scelta cadrà su una donna: si parla dell'imprenditrice edile Angela Pisciotta.

Di sicuro c'è che uscirà di scena il collegio sindacale, che ha retto la società dallo scorso settembre dopo la mancata conferma di Roberto Dolce e degli altri componenti del vecchio Cda. Con la designazione di Norata a presidente della Rap, si sbloccano le nomine ai vertici delle partecipate. In base alla lottizzazione programmata dal sindaco, l'Amg sarebbe destinata a Sinistra Comune, l'Amat a Sicilia Futura, mentre alla Sispi si va verso la conferma di Randazzo. Per quanto riguarda sempre i dem, nell'ambito del rimpasto di Giunta - che seguirà la nomina dei presidenti delle aziende - all'area Lupo spetterebbe un assessorato. La favorita sarebbe l'ex deputato nazionale Teresa Piccione, non riconfermata alle ultime elezioni.

Le reazioni

Chinnici (Pd): "Premiata la competenza"

Sinistra Comune: "Nuovo corso potrà superare difficoltà"

Caracausi (Idv): "Avrà compito delicato"

M5S: "Speriamo lavori libero da pressioni politiche"

Sala (Palermo 2022): "Faccia fare salto di qualità"

Tantillo (Fi): "No all'aumento del contratto di servizio"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco il nuovo presidente della Rap, Orlando sceglie Norata ma senza l'ok dei renziani

PalermoToday è in caricamento