Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Lauricella non ci siamo: torni al prossimo appello e ripassi Netanyahu

Intervistato da Sabrina Nobile delle Iene, il neoeletto alla Camera dei deputati, nonchè docente di Istituzioni di diritto pubblico presso l'ateneo palermitano, "cade" sul primo ministro israeliano. E sul web si scatenano gli sfottò

Nuova legislatura, vecchie abitudini. Vedere parlamentari che arrancano, o addirittura svicolano, davanti ai microfoni delle Iene quando viene chiesto loro di rispondere a semplici domande di attualità, non è certo un fatto insolito. In passato c'era chi non sapeva cosa fossero lo spread, la Consob o le agenzie di rating, chi era Nelson Mandela o cosa c'era a Guantanamo. Qualcuno arrivò anche a scambiare la regione africana del Darfour per una catena di fast food.

Durante la puntata andata in onda domenica sera su Italia 1, Sabrina Nobile ci ha riprovato: "Volti nuovi e giovani deputati saranno più capaci dei loro predecessori ad aiutarci a capire le notizie dei giornali?". Evidentemente non molto. Bce, Ior, Vatileaks e Perestrojka (il cui promotore, secondo un onorevole del Pdl, era "quel signore grasso con i capelli bianchi circa quindici anni fa") per qualche parlamentare rappresentano un tabù.

GUARDA IL VIDEO

Nel primo giorno della XVII legislatura, tra gli intervistati c'è anche il palermitano Giuseppe Lauricella. Neoeletto alla Camera tra le fila del Partito democratico, nonchè professore associato di Istituzioni di diritto pubblico presso la Facoltà di Scienze della Formazione, nell'ateneo del capoluogo siciliano. La Iena gli mostra un quotidiano e legge: “Netanyahu tira dritto e rilancia sugli insediamenti". E domanda: "Chi è 'sto Netanyahu?”. Silenzio. Colpo di tosse.  ”Come?” risponde l’onorevole. “No, dico - ripete la Nobile - chi è Netanyahu”. Lauricella sogghigna: “Lo so chi è Netanyahu. Poi? Domanda numero due... Lo conosco il suo gioco. Come no, lo so chi è Netanyahu, è inutile che facciamo le interrogazioni”. "Preferisce non parlarne di lui?" domanda imperterrita l'inviata. Lauricella abbozza un sorriso: "No, di lui, niente. Lui... non è lui". E se ne va. Senza nemmeno accennare al primo ministro israeliano.

La reazione sul web non si è fatta attendere. Soprattutto da parte di studenti ed ex alunni del professore, che impietosi si sono vendicati con commenti e prese in giro:  “Caro prof, chi se li scorda gli statini strappati, le urla e le umiliazioni subite dagli studenti anche per una minima sbavatura?”. E poi: “Finalmente anche Lauricella sa cosa vuol dire sentirsi umiliati". Una ragazza scrive su Facebook: "Prof che delusione. Ho passato mesi a studiare le forme di governo e lei mi cade sul primo ministro israeliano. Ma almeno quelli che chiedeva agli esami li sapeva?". Infine c'è chi scherza, realizzando il sogno di qualsiasi studente universitario, invertendo i ruoli e "bocciando" il docente: "Lauricella non ci siamo. Torni al prossimo appello. E ripassi Netanyahu".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lauricella non ci siamo: torni al prossimo appello e ripassi Netanyahu

PalermoToday è in caricamento