rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Il profilo

Dalla cultura agli affari di famiglia con la benzina: chi è Giulio Cusumano, l'ex consigliere arrestato

Eletto a Sala delle Lapidi, in una lista del sindaco Orlando, è rimasto in carica fino a luglio 2021. Vanta anche una breve parentesi da assessore nella Giunta Cammarata e un passato da vicepresidente all'Ast, dove sarebbe finito nella rete di dossieraggio di Montante

Avvocato, con un passato politico a Palazzo delle Aquile e una famiglia che opera nel settore del rifornimento di carburante per aerei. Ecco chi è in sintesi Giulio Cusumano, consigliere comunale fino al 30 luglio 2021, finito stamattina agli arresti domiciliari con l'accusa di truffa ai danni dello Stato e falso in atto pubblico assieme al cantante Alessio Scarlata.

Eletto con 2.267 voti nella lista Palermo 2022, che nella scorsa tornata elettorale sosteneva il sindaco Leoluca Orlando, Cusumano (48 anni il prossimo 23 maggio) ha in seguito aderito al gruppo dei Comitati civici e poi ad Azione. Quando a Sala delle Lapidi il partito di Carlo Calenda si è schierato all'opposizione, si è dimesso da consigliere lasciando il posto a Leonardo Canto. "Sono stato eletto in una lista del sindaco e, avendo il mio partito deciso di non sostenere più questa amministrazione, coerentemente ho deciso di dimettermi. Orlando non ha più la maggioranza e questo Consiglio è diventato sterile", disse poco prima di lasciare lo scranno.

L'esperienza politica

Cusumano, che nel frattempo è tornato a fare l'avvocato, non ha però lasciato la politica: in questa campagna elettorale è stato al fianco di Fabrizio Ferrandelli, candidato sindaco di Azione e Più Europa, che lo avrebbe voluto designare assessore. In passato, l'ex consigliere comunale ha militato in vari partiti (Mpa e Udc tra gli altri) ed ha ricoperto il ruolo di vicepresidente dell'Ast.

Consigliere comunale per tre mandati, è stato anche assessore al Verde e all'Ambiente della Giunta guidata da Diego Cammarata in quota Mpa. Una brevissima parentesi che si è interrotta con il ritiro della delega da parte di Cammarata dopo la spaccatura con gli autonomisti di Raffaele Lombardo. Correva l'anno 2008. 

Il passato all'Ast

Durante la presidenza di Lombardo è stato nominato nel board di Ast, la partecipata della Regione che si occupa del trasporto pubblico extraurbano. Da vicepresidente si è opposto alla fusione per incorporazione di Ast in Jonica Trasporti, operazione orchestrata dall'ex paladino dell'antimafia Antonello Montante nel tentativo - poi fallito - di acquisire la società regionale e quindi di privatizzarla. Cusumano sarebbe così finito nella rete di dossieraggio dell'ex presidente di Confindustria Sicilia, che lo avrebbe messo sotto pressione, tanto da dover rivelare la propria omosessualità alla famiglia.

L'azienda di famiglia

La famiglia di Cusumano è al vertice di Nautilus Aviation, società non coinvolta nei fatti oggetto dell'odierna indagine. L'azienda, fondata nel 1998, opera nel settore della vendita di carburante per l'aviazione. Un colosso che ha impianti per lo stoccaggio e il bunkeraggio di cherosene in 60 Paesi e più di 2.300 aeroporti, compreso quello di Palermo gestito dalla Gesap. Già presente negli aeroporti di Cagliari, Comiso, Lampedusa e Pantelleria, Nautilus ha aperto un deposito e un impianto di fornitura di carburante al Falcone-Borsellino nel 2016 durante la presidenza Gesap di Fabio Giambrone (fedelissimo del sindaco Orlando). Giulio Cusumano è anche primo cugino di Giangiacomo Palazzolo, sindaco di Cinisi, azionista di Gesap assieme al Comune di Palermo, alla Città metropolitana, alla Camera di Commercio e altri soci minori.

Circa un anno fa, uno dei depositi di Nautilus in Sicilia - quello dell'aeroporto di Lampedusa - è stato sequestrato con provvedimento del gip di Agrigento su richiesta della Procura per gravi "violazioni della normativa antincendio, a tutela della sicurezza aeroportuale e degli stessi lavoratori". L'impianto è ancora sotto sequestro.

Degli affari di Nautilus, però, se ne occupano i fratelli di Cusumano. L'amministratore unico della società è Giacomo Cusumano, che ha trasferito all’interno di Nautilus Aviation l’esperienza maturata con Nautilus Marine (azienda fornitrice di carburanti per imbarcazioni). Il fratello Giulio, da oggi ai domiciliari, ha gravitato negli ultimi anni nel mondo dell'arte e della cultura: da consigliere comunale, intensa è stata la sua attività in favore dei teatri (pubblici e privati) e il sostegno ad eventi culturali di vario tipo.

La Nautilus Aviation precisa di essere "del tutto estranea alle indagini e ai fatti oggetto di quest'ultime". Così in una nota in cui inoltre si legge: "Si apprende dalla stampa dell'emissione di alcuni provvedimenti da parte dell'autorità giudiziaria per fatti e nei confronti di soggetti che non sono né sono mai stati soci della Nautilus Aviation né sono mai state legate alla stessa da rapporto di lavoro o d'altro genere".

Articolo aggiornato alle 20,30 del 2 maggio 2022 con precisazione Nautilus Aviation

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla cultura agli affari di famiglia con la benzina: chi è Giulio Cusumano, l'ex consigliere arrestato

PalermoToday è in caricamento