Venerdì, 23 Luglio 2021
Politica

Sindaco Corleone, candidato dei 5 Stelle al bar col nipote di Provenzano: "Un buon caffè..."

A poche ore dal comizio di chiusura della campagna elettorale Maurizio Pascucci posta su Facebook la foto col parente del padrino di Cosa Nostra e scoppia la polemica. Fava: "Di Maio spieghi". Miceli (Pd): "Scelta inappropriata, intollerabile, folle, pericolosa"

Pascucci (a destra) con il nipote di Provenzano

Il candidato sindaco del M5S a Corleone, Maurizio Pascucci, posta su Facebook una foto assieme a Salvatore Provenzano, nipote acquisito del capo di Cosa Nostra, e scoppia la polemica. L’immagine ritrae i due nel bar di Provenzano ed è accompagnata da una frase: "Un buon caffè con Salvatore. Delusione per i maldicenti...".

A poche ore dal comizio di chiusura della campagna elettorale, al quale (notizia dell'ultima ora) non parteciperà più il vicepremier Luigi Di Maio proprio per questo motivo, sale la temperatura in quel di Corleone. Foto e parole dell'aspirante sindaco pentastellato sarebbero la risposta a chi lo ha tacciato di estremismo. Tuttavia la foto in cui viene immortalato con il nipote del padrino di Cosa nostra - titolare del bar e incensurato, al pari della moglie - crea non pochi equivoci. Pascucci, toscano di 54 anni, è nato in provincia di Siena e risiede ormai da tempo a Corleone.

Il video messaggio di Di Maio: "Non andrò a Corleone"

La reazione del mondo politico non si fa attendere: "Certamente - afferma Claudio Fava, Presidente della commissione parlamentare Antimafia dell'Ars - non è un reato farsi una foto con un parente di uno dei più spietati boss mafiosi che la storia ricordi, ma pubblicare quella foto sui social è una scelta inopportuna, soprattutto per chi si candida come sindaco di un paese che ha subito lo scioglimento per infiltrazioni mafiose". La commissione Antimafia aveva svolto, proprio nei giorni scorsi, una missione istituzionale nel Comune del palermitano, stigmatizzando la mancanza del tema del contrasto alla mafia nel corso della campagna elettorale. "Siamo sicuri - prosegue Fava - che il vicepresidente Di Maio, oggi in visita elettorale a Corleone, lo spiegherà adeguatamente al candidato del M5S”.

Gli fa eco il deputato del Pd, Carmelo Miceli, componente della Commissione parlamentare antimafia nazionale: "I vari Di Maio, Di Battista, Grillo, Casaleggio non hanno nulla da dire? Con quale coraggio questa sera il vicepresidente del Consiglio andrà a Corleone a sostenere un candidato che, dopo quella foto, potrebbe ricevere i voti di Cosa nostra? E il ministro dell’Interno, alleato di governo dei pentastellati, l’uomo che non perde occasione per dire che “la mafia gli fa schifo”, non prova imbarazzo, se non ribrezzo? O forse a Corleone la mafia fa meno schifo di altre parti?”. 

Miceli bolla come "inappropriata, intollerabile, folle, pericolosa" la scelta di Pascucci fare propaganda con accanto un discendente del boss mafioso. "Dopo la morte del boss Provenzano, lo scioglimento per mafia e il lavoro di legalità svolto dai Commissari prefetizi - conclude Miceli - Corleone affronterà un appuntamento elettorale importantissimo, i cui protagonisti non possono e non devono assumere atteggiamenti equivoci nei confronti di cosa nostra. Anche perché, nella fattispecie concreta nessuna presa di distanza pubblica dagli orrori commessi dalla mafia è mai giunta da chi oggi accompagna la candidatura dell’esponente 5 stelle, così come forme di partecipazione attiva alle iniziative sociali di contrasto al cancro rappresentato da cosa nostra. In una terra di mafia non bisogna lasciare adito al dubbio. Chi lo fa, sta solo rimestando nel torbido, prestando il fianco a quanto di più squallido possa esserci". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindaco Corleone, candidato dei 5 Stelle al bar col nipote di Provenzano: "Un buon caffè..."

PalermoToday è in caricamento