menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una recente protesta degli operatori della Formazione - foto archivio

Una recente protesta degli operatori della Formazione - foto archivio

Formazione, bando a rischio: il Tar blocca i corsi fino a luglio

Il Tar ha accolto l'istanza cautelare di una ventina di enti: l'Avviso 8 - il maxi bando da 136 milioni che finanzia il sistema della formazione professionale in Sicilia - potrebbe restare fermo fino al 4 luglio, giorno della nuova camera di consiglio

L’Avviso 8, il maxi bando da 136 milioni che finanzia il sistema della formazione professionale in Sicilia, potrebbe restare bloccato almeno per altri due mesi. Il Tar ha accolto l’istanza cautelare di una ventina di enti, fissando al 4 luglio una nuova camera di consiglio. Prima di questa data quindi i corsi non dovrebbero partire. 

Ne dà notizia il pool di avvocati – formato da Girolamo Rubino, Calogero Marino e Lucia Alfieri – che difende una quindicina di enti di formazione professionale (tra i quali Enaip Caltanissetta, Associazione Politea, Cooperativa sociale Pegaso, Unci, Eap Fedarcom, Efal Palermo, Mathesis, Centro Studi e Ricerche, Ecap Catania e Trapani, Human Capital) che hanno fatto ricorso al Tar. I giudici amministrativi non hanno pubblicato l’ordinanza, pur avendo comunicato via pec ai legali l’accoglimento del ricorso. Il pronunciamento è atteso a stretto giro di posta e, anticipa l’avvocato Rubino, "dovrebbe contenere una sospensiva nelle more che la Regione fornisca dei chiarimenti al Tar".

I ricorrenti hanno puntato il dito contro alcuni vizi dell’Avviso 8, a cominciare dal mancato rispetto dei criteri sanciti dal Piano operativo del Fondo sociale europeo. Le contestazioni dei legali riguardano la composizione dei nuclei di valutazione e le griglie utilizzate dal dipartimento Formazione per stilare la graduatoria, che avrebbero penalizzato alcuni enti storici a scapito di altri con un’esperienza minore.

"Attendiamo – dice l’assessore alla Formazione Bruno Marziano – di verificare il dispositivo nella sua interezza. Ove dovesse prevalere la tesi di un blocco dell’Avviso ci regoleremo di conseguenza, altrimenti andremo avanti per far partire i corsi".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento