menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Formazione, coma profondo": chieste le dimissioni dell'assessore Miccichè

I sindacati chiedono la testa dell'assessore al Lavoro: "Incapacità politica e latitanza ingiustificata..."

"La colpevole, irresponsabile e ingiustificata latitanza dai tavoli, la mancanza di atti concreti, la sottovalutazione dello stato di emergenza sociale in cui versano gli operanti del settore denotano incapacità politica". Così i sindacati della Formazione Flc Cgil Cisl Scuola e Uil Scuola chiedono le dimissioni dell assessore regionale al Lavoro Miccichè, dopo l'incontro di ieri sera. 

"Avevamo chiesto per l'ennesima volta, un incontro con l'assessore alla Formazione Professionale, Bruno Marziano, l'assessore al Lavoro, Gianluca Miccichè e i rispettivi Dirigenti Generali sui temi scottanti della crisi del comparto che ha generato condizioni emergenziali e non più sostenibili per i lavoratori, avanzando la richiesta di una soluzione immediata per lavvio delle nuove attività formative e l'individuazione degli eventuali strumenti di ammortizzazione e sostegno al reddito degli oltre 8.000 addetti", scrivono i segretari di Flc Cgil Graziamaria Pistorio Giovanni Lo Cicero, di Cisl scuola Francesca Bellia e Giovanni Migliore e di Uil Scuola Claudio Parasporo e Antonio Panzica. 

All'incontro già fissato e rinviato su richiesta dell'assessore al Lavoro, hanno preso parte ieri sera solamente l'assessore Marziano ed il dirigente generale Silvia, assenti, ancora una volta, l'assessore Miccichè e la dirigente generale Bullara. "Su forte sollecitazione dei sindacati, rispetto al tema più scottante e riguardante il ricorso al Tar avverso l'Avviso 3, l'amministrazione ha prospettato più ipotesi sulle quali l'asessore si è riservato di comunicare, entro questa settimana, le determinazioni necessarie a superare le criticità e consentire l'avvio delle attività in tempi brevi. Al fine di garantire il pagamento delle spettanze arretrate dovute ai lavoratori abbiamo hanno chiesto l impegno all'amministrazione a evadere il pregresso in tempi rapidi e con misure straordinarie".

I sindacati lamentano "l'assenza dell'assessore Miccichè e del dirigente al ramo, non hanno consentito di trovare, oggi, strumenti per coprire il vuoto generato dai ritardi provocati dal ricorso all'avviso 3 e del ritardo determinato dal suo stesso assessorato sull'avvio degli avvisi in materia di politiche attive del lavoro che coinvolgono oltre 1.750 operatori del settore e non consentono di erogare un servizio strategico ed indispensabile per dare speranze ai giovani e ai disoccupati dell'isola anche in violazione delle normative vigenti. Gravissimo ancora, da parte dell'assessore Miccichè è la mancata volontà a trovare soluzioni per gli ammortizzatori relativi al 2014, al 2015 e ai primi mesi dell'anno in corso." I sindacati concludono: " La colpevole, irresponsabile e ingiustificata latitanza dai tavoli, la mancanza di atti concreti, la sottovalutazione dello stato di emergenza sociale in cui versano gli operatori del settore denota l'incapacità politica e la inadeguatezza al ruolo ad affrontare una crisi così gravi. Riteniamo inaccettabili, indecorosi e provocatori gli atteggiamenti dell'assessore al Lavoro e ne chiedono le immediate dimissioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento