A Palermo nasce la prima scuola di formazione politica della Lega in Sicilia

Ad esprimere soddisfazione per l'iniziativa, ricordando che i corsi della nuova scuola politica partiranno ad ottobre 2019 e si concluderanno a maggio 2020, è Igor Gelarda, capogruppo del Carroccio in consiglio comunale: "E' un giorno importante"

Nella foto, da sinistra, Giovanni Callea, Stefano Candiani e Igor Gelarda

Nasce a Palermo la prima scuola di formazione politica della Lega in Sicilia. A tagliare il nastro, questa mattina (martedì 9 aprile) il senatore Stefano Candiani, commissario della Lega nell’Isola, insieme ai responsabili regionali enti locali, Igor Gelarda e Fabio Cantarella, e Giovanni Callea, ideatore e direttore della scuola. 

“Con la scuola di formazione politica  - dice Candiani - vogliamo proporre alla Sicilia e ai siciliani il nostro modello di amministrazione e gestione delle istituzioni, sperimentato, con riscontri più che positivi in molti territori. L’obiettivo è quello di far conoscere come funziona il sistema politico amministrativo ed economico ai futuri amministratori, attraverso il racconto e l’esperienza di professionisti. La Sicilia ha grandi potenzialità che devono però essere tirate fuori e valorizzate da una classe dirigente preparata, in alternativa all’attuale sistema farraginoso che governa la regione da decenni. Spetterà adesso ai cittadini siciliani - conclude Candiani - l’onore e l’onere di farsi carico del lavoro di amministratori e contribuire al rilancio della Sicilia”. 

Ad esprimere soddisfazione per l'iniziativa, ricordando che i corsi della nuova scuola politica partiranno ad ottobre 2019 e si concluderanno a maggio 2020, è Igor Gelarda, capogruppo della Lega in consiglio comunale a Palermo: “É un giorno importante per la crescita della Lega in Sicilia e il fatto che Palermo si stata scelta come sede regionale della scuola di formazione mi riempie di orgoglio e premia il nostro impegno quotidiano sul territorio. Saremo il punto di riferimento delle classi dirigenti leghiste dell’Isola - aggiunge Gelarda - quelle che garantiranno lo sviluppo della nostra bellissima terra, da contrapporre all’inefficienza di decenni di classi politiche siciliane che hanno, spesso, incrementato clientelismi e malcostumi tutt’ora duri a morire. Oggi a Palermo piantiamo il seme di un nuovo modo di concepire la politica al servizio dei cittadini - conclude Gelarda - e i siciliani saranno al nostro fianco”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La mia presenza oggi a Palermo - ha aggiunto Fabio Cantarella, assessore al comune di Catania - è la testimonianza che la scuola di politica è un progetto che interessa tutta l’Isola e rappresenta il percorso virtuoso di costruzione della classe dirigente in Sicilia. Abbiamo bisogno di selezionare e mettere a fuoco le competenze per restituire valore al merito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento