Lunedì, 26 Luglio 2021
Politica

La Regione stanzia due milioni in più per le scuole, torna anche il contributo per i convitti

Quattro mila euro a tutti gli istituti statali, più 400 euro per ogni sede aggiuntiva. L'assessore Lagalla: "Le scuole potranno organizzare al meglio il percorso didattico offerto agli alunni"

L'assessore Roberto Lagalla

Aumenta di 2 milioni di euro lo stanziamento per le scuole statali siciliane dall’anno 2018/2019. I finanziamenti - inseriti nella nuova legge di stabilità - sono destinati all’espletamento di tutte le attività di natura amministrativa e gestionale, in linea con le specifiche caratteristiche di ciascuna scuola. La ripartizione delle risorse riguarda tutti gli istituti comprensivi di primo e secondo grado, i licei, gli istituti tecnici e professionali. A questi si aggiungono i convitti annessi agli istituti scolastici, a favore dei quali i fondi destinati sono stati rispristinati dopo un periodo di mancato finanziamento, venendo incontro alle esigenze di tanti ragazzi che devono affrontare il percorso formativo lontani dalle loro famiglie e dai luoghi di origine. Il contributo per ciascun convittore o semiconvittore è rispettivamente pari a 500 e 250 euro.

Nel dettaglio, saranno destinati 4 mila euro a tutti gli istituti scolastici statali autonomi siciliani, il doppio rispetto allo scorso anno, che prevedeva uno stanziamento di 2 mila euro per ciascuna scuola. A questi si aggiunge un contributo di 400 euro per ogni sede aggiuntiva, rispetto ai precedenti 200 euro, ed un costo per alunno dai 23 ai 300 euro, variabile per i diversi gradi ed indirizzi scolastici, in aumento rispetto all’assegnazione precedente, oscillante da 5 a 65 euro. I contributi più elevati sono destinati agli istituti a carattere scientifico e tecnico-professionale, dove maggiori sono gli impegni economici per garantire il funzionamento di laboratori e simulatori. È, tra gli altri, il caso degli istituti tecnici aeronautici, per i quali il contributo per alunno passa da 65 a 300 euro.

“Stiamo cercando - spiega l’assessore Roberto Lagalla – di operare con attenzione e condivisione di intenti, accogliendo le istanze portate alla nostra attenzione dai dirigenti scolastici e dal mondo della scuola in genere, con l’obiettivo di garantire agli istituti scolastici le migliori condizioni di lavoro possibili e agli studenti un adeguato percorso formativo, anche se ancora molto resta da fare”. Il decreto è pubblicato sul sito del Dipartimento dell’Istruzione e della Formazione professionale della Regione Siciliana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione stanzia due milioni in più per le scuole, torna anche il contributo per i convitti

PalermoToday è in caricamento